Bitti, approvate le prime richieste per i danni subiti dai privati.

“La Protezione civile regionale ha esaminato in tempi brevi le prime richieste di contributo ai bittesi per i danni subiti durante l’alluvione, dando attuazione a un modello innovativo per il riconoscimento dei ristori a livello nazionale: cittadini e aziende riceveranno un’anticipazione sulla base della prima stima dei danni e il saldo sarà versato alla conclusione degli interventi”. Lo ha spiegato il presidente della Regione, Christian Solinas, riferendosi all’impegno della Regione nell’istruttoria delle istanze pervenute in riferimento all’evento dello scorso 28 novembre a Bitti.

Sono oltre 300 le domande di contributo per i danni a immobili, mobili, macchinari, attrezzature, veicoli e scorte aziendali valutate dalla Protezione Civile e per le quali è stata stabilita l’entità complessiva del finanziamento. A distanza di pochi mesi, confermano dalla Presidenza della Regione, si è chiusa l’istruttoria delle domande di contributo per le abitazioni e le imprese colpite più duramente.

LEGGI ANCHE:  'Orientamento e riconversione al marittimo', al via la selezione per aspiranti imprenditori 'disoccupati' sardi.

“Gli eventi meteorologici hanno provocato ingenti danni al patrimonio pubblico, alle abitazioni, ai veicoli, mettendo in ginocchio gran parte delle attività economiche e produttive presenti nel centro abitato – ha sottolineato l’assessore della Difesa dell’ambiente, Gianni Lampis, con delega alla Protezione civile – Grazie all’immediata dichiarazione dello stato di emergenza regionale, da parte della Giunta, a dicembre si sono potuti stanziare 10 milioni di euro da destinare ai privati per i danni subiti dal patrimonio abitativo e dalle attività economiche e produttive. Nei prossimi giorni le risorse saranno trasferite all’Amministrazione comunale per procedere all’erogazione delle anticipazioni ai beneficiari. La Regione si è impegnata per ridurre i tempi degli indennizzi, risultando decisamente in anticipo rispetto agli standard nazionali in casi analoghi”.

LEGGI ANCHE:  Luce verde per il bando sulla mobilità elettrica in Sardegna.