Aumenta l’occupazione nel Terzo Settore: +5,8% in Italia.

Nonostante le attuali avversità macroeconomiche il Terzo Settore italiano continua a crescere. A confermarlo la XVI edizione del report di Isnet, secondo il quale le entrate delle imprese sociali sono aumentate del +3,1%, unitamente ai livelli occupazionali: +5,3% a livello nazionale.

Insomma, il Terzo Settore continua non solo a sorprendere in termini di sostegno alla coesione del nostro Paese ma si riconferma un settore capace di generare valore economico e sociale, oltre che un punto di approdo per i segmenti della popolazione attiva più penalizzati a partire dai giovani under30, i quali rappresentano circa il 20,4% della forza lavoro nel Terzo Settore, fino ad arrivare alle donne che rappresentano il 62,5% dei dipendenti.

LEGGI ANCHE:  Politiche giovanili: nonostante i principi costituzionali manca ancora una legge nazionale.

Importante anche la presenza di lavoratori svantaggiati (42,2% nelle cooperative sociali di tipo B) che sale al 49,5% se si considerano anche le categorie di lavoratori svantaggiati extra Legge 381/91.

Decisamente controtendenza rispetto ad altri settori produttivi, i dati sul ricambio generazionale (+5% rispetto all’ultima rilevazione di Isnet) e il miglioramento dei processi e dell’organizzazione interna che fa registrare un decremento di 7 punti (da 67,5% a 60,5%).

Sullo sfonto, però, resta la difficoltà delle imprese sociali e degli organismi del Terzo Settore di reperire under30 qualificati. Da migliorare – chi lo avrebbe mai detto – il raccordo con università e centri di formazione (non performanti per il 22,4%). Insomma, le solite scatole accademiche vuote dove continua a mancare, in modo a dir poco impermeabile, un minimo slancio di innovazione e reale senso di sinergia con i portatori di interesse dei vari territori.

LEGGI ANCHE:  Quasi 2 giovani su 10 non sono a conoscenza delle elezioni europee.

“I dati dell’osservatorio – ha commentato Maria Teresa Bellucci, vice ministra del Lavoro e delle Politiche Sociali – confermano la capacità delle imprese sociali di generare lavoro e impatto sui territori, per questo tra le altre iniziative, stiamo predisponendo l’apertura di tavoli di lavoro specifici, al fine di approfondire al meglio le tematiche di interesse dell’economia sociale”.

foto Sardegnagol, riproduzione riservata