Anno europeo delle competenze: carenze di competenze nelle piccole e medie imprese.

Una nuova indagine pubblicata oggi da Eurobarometro, conferma che i lavoratori qualificati sono fondamentali per il successo delle piccole e medie imprese (PMI) in Europa . Risultati che arrivano nello stesso giorno della presentazione di una serie di iniziative a sostengo delle PMI da parte della Commissione europea. Iniziative protese verso lo sviluppo di una forza lavoro qualificata per le PMI

Secondo il sondaggio, il 95% di tutte le PMI ritiene che per il proprio modello di business sia molto (82%) o moderatamente (13%) importante avere lavoratori con le giuste competenze.

Questa situazione, in parole povere, frena quasi due terzi (63%) delle aziende nella loro attività commerciale generale. Quasi la metà di loro (45%) afferma inoltre che ciò ostacola i loro sforzi per adottare o utilizzare le tecnologie digitali, e quattro su dieci (39%) vedono difficoltà nel rendere più verdi le proprie attività commerciali. Insomma, una autocritica tra la forza lavoro non guasterebbe…

LEGGI ANCHE:  Imprese: calano le nuove registrazioni nel primo trimestre 2022.

Per facilitare l’assunzione di personale con le competenze richieste, le PMI affermano di aver bisogno di una migliore collaborazione con i servizi pubblici per l’impiego (58%), strumenti migliori per valutare le competenze dei candidati (49%), strumenti migliori per valutare le esigenze di competenze dell’azienda (46 %) e procedure più semplici per il riconoscimento dei titoli esteri (38%).

L’UE, nel bene e nel male delle tante call inaccessibili, prova a sostenere lo sviluppo delle competenze e l’apprendimento permanente attraverso finanziamenti e politiche, provano a confermare dalla Commissione von der Leyen. 

commissione europea, foto Agenzia Coesione Territoriale