Alghero: 5 milioni per la rete idrica.

5 milioni di euro per la rete idrica di Alghero. Dopo le risorse stanziate nelle scorse settimane l’Egas ha dato il via libera al secondo lotto di interventi di riqualificazione idrica nel comune di Alghero che porterà nella città catalana circa 1 milione e 88 mila euro.

I lavori in questione rientrano in un più ampio intervento, pari a circa 68 milioni di euro, che interessa diversi centri dell’isola, così come stabilito nel Patto per lo Sviluppo della Sardegna, finalizzato all’efficientamento nella distribuzione dell’acqua per il consumo umano in Sardegna.

Il sistema idrico di Alghero, infatti, è gravato da condotte obsolete in materiali non performanti ed è ulteriormente messo sotto pressione nei mesi di maggiore flusso turistico, durante i quali si registra un incremento delle presenze, dai 44 mila residenti fino a picchi che superano le 120 mila unità. La dispersione dell’acqua è oltre i livelli di soglia: nella città catalana si registrano attualmente perdite idriche giornaliere oltre il 70%.

LEGGI ANCHE:  Secondary ticketing, sanzione da 23,5 milioni per Viagogo.

Il progetto recentemente approvato dall’Egas prevede la sostituzione di circa due chilometri complessivi di condotte nella frazione di Fertilia e in via Terrat e via Toda ad Alghero: saranno dismesse le vecchie tubazioni sottodimensionate e in materiale obsoleto, prediligendo la ghisa sferoidale, con l’obiettivo di assicurare una corretta erogazione idrica, in termini di portata e pressione, alle attuali utenze e predisporre un adeguato sistema di condotte proporzionato alle reali richieste della città.

Questi lavori si aggiungeranno a quelli già licenziati del lotto A, ovvero la sostituzione di 6.165 metri circa di tubazioni, precisamente in Via Antonio Marongiu, Via De Muro, Via Giacomo Matteotti, Via Grazia Deledda, Via Leonardo Da Vinci, Via Palomba, Via Sant’Agostino, Via XX Settembre, Via Don Giovanni Minzoni, Via Pasquale Paoli, Via Coros, Via Parc Güell, Via Tibidabo, Via Villafranca De Panades e Via Carbia.

LEGGI ANCHE:  Pubblicato su 'Frontiers in Genetics' lo studio sul grano duro italiano