Violenza sulle donne: un’app creata dai giovani vince l’Hacking-Communities.

L’app “Right Rouch”, ideata da 5 studenti del liceo Mossa di Olbia per segnalare episodi di violenza sulle donne, si è aggiudicata il premio “Hacking-Communities, ripensiamo le città in ottica di economia circolare”, hackathon mirato a selezionare progetti mirati a ripensare le città in ottica di sostenibilità economica, sociale e ambientale, con il focus sulle soluzioni concrete per migliorare le proprie comunità.

“In Sardegna, dove l’abbandono scolastico è tra i più alti in Europa, questi progetti offrono una via per coinvolgere gli studenti in modo significativo, riducendo il rischio di disinteresse per la scuola”, ha ricordato Stefano Cucca di Rumundu.

Al secondo e terzo posto la giuria di esperti ha votato per progetti riguardanti l’agricoltura e la sostenibilità: il team “Braccia Rubate” dell’Istituto Agrario Pellegrini di Sassari, ha proposto soluzioni per ridurre l’uso di plastiche nell’agricoltura, promuovendo materiali biodegradabili, con un premio di 750 euro e al terzo posto il team “Serra2030” dell’IIS Fermi di Alghero, che ha ideato un progetto di riqualificazione di aree per la produzione agricola sostenibile. Per loro 500 euro per cominciare a mettere le basi del progetto.

LEGGI ANCHE:  Violenza contro le donne, ministro Bianchi: "Il cambiamento culturale passa dai giovani".

Un premio speciale è stato assegnato al team “Aupat – Aggiungi un posto a tavola”, dell’IIS Fermi di Alghero, che ha sviluppato un progetto di co-housing per aiutare anziani soli e studenti fuori sede. Saranno affiancati da esperti per sviluppare ulteriormente il loro progetto.