Vela, Luna Rossa: è l’ora dei giovani.

Sono iniziate a Cagliari le sessioni di osservazione dei nuovi talenti da parte del Team di Luna Rossa Prada Pirelli, da sempre in prima linea nella formazione delle nuove generazioni di velisti. Le sessioni di osservazione dedicate agli Under 25, ricordano da Luna Rossa, si sono incentrate sulla vela foiling.

Gli Youth Camp riguarderanno oltre 20 giovani atleti (ragazze e ragazzi) suddivisi in due gruppi: il primo si svolgerà fino al 5 febbraio e il secondo dal 6 al 12 febbraio.

Fortemente voluti dallo Skipper e Team Director Max Sirena, questi Camp nascono con uno sguardo alla Youth America’s Cup (che si correrà a bordo dei monotipi AC40), ma più in generale, vogliono essere un punto di osservazione sulla vela del futuro.

“Gli Youth Camp non si limitano a monitorare e a formare i ragazzi dal punto di vista tecnico e velico”, spiega Max Sirena, “ma servono anche per inquadrarli sotto l’aspetto umano, prendendo in considerazione la loro attitudine al lavoro di squadra, al team building, alle relazioni interpersonali. Il nostro scopo, infatti, non è unicamente quello di selezionare i migliori velisti per la Youth America’s Cup di Barcellona, anche se ovviamente è uno degli obiettivi, ma anche guardare al futuro del team – che potrebbe crescere e arricchirsi di nuove risorse nei vari dipartimenti – e, in generale, avvicinare i giovanissimi alla disciplina “volante”. Se il foiling è la vela del futuro, questi ragazzi sono il futuro della vela”.

LEGGI ANCHE:  Calciomercato: Martin Càceres al Levante.

Coordinatore del progetto è Jacopo Plazzi, uno dei coach di Luna Rossa Prada Pirelli (insieme a Philippe Presti e Hamish Willcox), che sarà supportato da due preparatori di grande esperienza, tanto nelle Classi Olimpiche tradizionali quanto nelle nuove imbarcazioni foiling: Francesco Marrai e Simone Salvà. Al loro fianco ci sarà Marco Mercuriali, rule advisor di Luna Rossa Prada Pirelli sin dalle prime sfide del team italiano e tra i massimi esperti dei regolamenti di America’s Cup.

I Camp, in particolar,e prevedono una preparazione a terra e delle prove in mare nel Golfo degli Angeli con regate finali nel week-end. Le barche utilizzate sono due Persico 69F, una classe foiling One Design concepita e sviluppata dal cantiere bergamasco Persico Marine.

LEGGI ANCHE:  Il meccanismo che porta allo sviluppo di pensieri suicidi in adolescenza.

Parteciperanno agli Youth Camp anche due membri di Luna Rossa Prada Pirelli: Carlo Ciabatti (shore team) e Marco Gradoni (sailing team); quest’ultimo è pluricampione del mondo Optimist, vincitore mondiale ed europeo Juniores nella Classe Olimpica 470 Mixed (in coppia con Alessandra Dubbini) e Rolex World Sailor of the Year (il più giovane di sempre).

“Gli Youth Camp sono una bellissima opportunità per i ragazzi», dice Gradoni; «credo che in Italia sia la prima volta che un team di Coppa America offra questa possibilità ai giovani velisti. Per quanto mi riguarda sono contentissimo di farne parte. Cercherò di trasmettere loro l’esperienza che ho vissuto fino a oggi nel team e sono certo che condivideremo un bel periodo e tantissime emozioni”.

LEGGI ANCHE:  Pozzecco: "A Pistoia per chiudere primi in chiave Final Eight"

Gli Youth Camp vedranno anche una nutrita presenza di donne, sia perché il Protocollo della 37^ Coppa include una Women’s America’s Cup da svolgersi immediatamente prima del Match finale, sia perché il livello tecnico delle veliste italiane è talmente alto da rappresentare una risorsa fondamentale per qualsiasi team.

Il programma degli Youth Camp prevede sessioni pratiche in mare sotto la guida dei coach sopra citati e lezioni teoriche per apprendere i regolamenti relativi alle Classi 69F e AC40. Inoltre, presso la base di Luna Rossa Prada Pirelli, i ragazzi impareranno le tecniche del volo sui foil e i trucchi del match race da campioni del calibro di Jimmy Spithill, Checco Bruni e altri esperti del team.  

Al termine di entrambi gli Youth Camp, i velisti più meritevoli parteciperanno a due tappe del circuito 69F YOUTH FOILING GOLD CUP.

foto Sardegnagol riproduzione riservata