Un sogno chiamato Europa. I giovani ricordano Antonio Megalizzi.

Per tenere viva la memoria di Antonio Megalizzi, il giovane operatore radiofonico caduto vittima del terrorismo internazionale 5 anni fa a Strasburgo, RadUni, l’Associazione degli Operatori e dei Media Radiofonici Universitari, e la Fondazione Antonio Megalizzi, dalle 9 alle 15, condurranno una maratona radiofonica universitaria.

Tra le radio universitarie partecipanti anche Unica Radio di Cagliari e Radio Uniss di Sassari.

Fin dai primi momenti dopo la tragica scomparsa di Antonio e del collega franco-polacco Bartosz Orent Niedzielski, l’Associazione RadUni, insieme a Fondazione Antonio Megalizzi, ha deciso di indire due giornate all’anno per dare nuovamente voce ai colleghi ai quali sono stati dedicati gli studi radiofonici del Parlamento europeo a Strasburgo.

LEGGI ANCHE:  Sostenibilità. Un concorso della Regione per i giovani.

Nel mese di dicembre si ricordano i colleghi e tutte le vittime dell’attentato, il 15 maggio invece si dedica la giornata al socio e amico Antonio Megalizzi. In entrambe le date, ricordano i promotori, si trasmettono la sua voce, i suoi racconti e sempre nuovi contenuti creati dagli operatori delle radio universitarie, dagli amici e da tutti coloro che abbracciano e condividono il sogno di Antonio, come le tante scuole e studenti che ogni giorno la Fondazione Antonio Megalizzi incontra per parlare di Europa, cittadinanza e giornalismo grazie al Progetto Ambasciatori, a lui dedicato.

foto Fondazione Antonio Megalizzi