Ue: rifiuti urbani in diminuzione di 19 kg pro capite nel 2022.

Nel 2022, la quantità di rifiuti urbani generati per persona nell’UE è stata di 513 kg, 19 kg o il 4% in meno per persona rispetto al 2021 (532 kg) e 46 kg in più rispetto al 1995 (467 kg).

La produzione di rifiuti urbani, secondo le ultime rilevazioni dell’Eurostat, varia notevolmente tra i membri dell’UE. Nel 2022, i cittadini austriaci (827 kg a persona), danesi (787 kg) e lussemburghesi (720 kg) hanno generato la quantità più elevata di rifiuti urbani. La quantità più bassa è stata generata in Romania (301 kg), Polonia (364 kg) ed Estonia (373 kg). 

Le variazioni tra paesi riflettono differenze nei modelli di consumo, nella ricchezza economica e nella raccolta e gestione dei rifiuti urbani. I paesi differiscono per quanto riguarda la quantità di rifiuti commerciali, commerciali e amministrativi che vengono raccolti e gestiti insieme ai rifiuti domestici .

LEGGI ANCHE:  Certificato COVID digitale: la Commissione adotta la seconda relazione sull' impatto. Rilasciati 1,7 miliardi di certificati nell'UE. Proposta di proroga fino al 30 giugno 2023.

In termini di riciclaggio , l’UE ha registrato una media di 249 kg pro capite, in calo rispetto alla media del 2021 di 264 kg pro capite. 

Austria (516 kg), Danimarca (411 kg) e Germania (409 kg) hanno registrato la quantità più alta di rifiuti riciclati pro capite. D’altro canto, Romania (36 kg), Malta (75 kg) e Grecia (90 kg) hanno registrato la quantità più bassa.