Turismo e solidarietà: Il connubio possibile. La terza giornata di “Connessioni, Villaggio globale dell’impegno sociale”.

Si è svolto oggi il terzo incontro del meeting internazionale “Connessioni, Villaggio globale dell’impegno sociale” realizzato dall’associazione TDM 2000 International con il contributo dell’Assessorato del Turismo della Regione Sardegna, della Fondazione di Sardegna e in collaborazione con Sardegnagol, media partner ufficiale dell’evento.

La discussione è stata dedicata a un tema di grande attualità: l’interconnessione tra turismo e solidarietà. Ormai da tempo il turismo ha cessato d’essere un mero divertimentificio avulso da forme di responsabilità sociale. Analogamente l’impegno sociale non è più considerato attività caritatevole priva di ricadute positive per l’economia del territorio. Tale consapevolezza, alla base del lavoro di molte organizzazioni no profit, fatica ancora a trovare un riconoscimento nell’alveo di politiche istituzionali.

LEGGI ANCHE:  NextGenerationEU, le operazioni procedono bene per la Commissione UE.

Da questo punto di vista, ha evidenziato la presidente di TDM 2000 International Angelica Perra, le associazioni possono giocare un ruolo chiave: i loro progetti e le loro iniziative sono il miglior esempio del connubio possibile tra turismo e solidarietà.

Un esempio che oggi è stato illustrato attraverso alcuni casi di successo realizzati in varie parti d’Europa.

Sono così intervenuti l’imprenditore sociale portoghese David Carvalhao, la mediatrice culturale olandese Jaqueline Menezes, la dirigente associativa cipriota Niki Karoulla e infine, in rappresentanza dell’associazionismo isolano, Luca Frongia e Federico Gaviano.

Notevole la partecipazione del pubblico, fra cui numerose persone in collegamento da altri Paesi.

Il prossimo appuntamento è previsto per domenica 27 dicembre. Si discuterà della carta transnazionale dell’impegno sociale, un documento che verrà sviluppato nel corso del meeting, la cui adozione sarà successivamente proposta a rappresentanti istituzionali, associazioni, cittadini.

LEGGI ANCHE:  Bonifica dell'amianto: 3 milioni dalla Giunta regionale.

L’obiettivo è delineare una visione condivisa, improntata all’impegno sociale e alla solidarietà, da cui partire nel momento della ricostruzione.