Richiedenti asilo: domande in aumento del 7% nel 2023.

Nel 2023, i Paesi dell’UE hanno concesso lo status di protezione a 409.485 richiedenti asilo , registrando un aumento del 7% rispetto al 2022 (383.700). 

Tra i 409.485 richiedenti asilo a cui è stato concesso lo status di protezione nel 2023 nell’UE, il 43% ha ottenuto lo status di rifugiato, il 35% ha ottenuto la protezione sussidiaria e il 22% ha ricevuto lo status umanitario. Rispetto al 2022, il numero degli status di rifugiato concesso è aumentato del 3% e la protezione sussidiaria è aumentata del 20%, mentre lo status umanitario è diminuito del 3%. 

Il numero più alto di persone che hanno ottenuto lo status di protezione è stato segnalato dalla Germania (151.505, il 37% del totale Ue), davanti a Francia (55.220, 13%) e Spagna (52.950, 13%). Insieme, questi 3 paesi hanno concesso il 63% di tutti gli status di protezione a livello dell’UE. 

LEGGI ANCHE:  Diritti delle minoranze in Moldova, Angel Dzhambazki: "Sempre più a rischio la minoranza bulgara della città di Taraclia".

Nel 2023, la maggior parte dei beneficiari dello status di protezione nell’UE erano siriani (il 32% del numero totale di persone a cui è stato concesso lo status di protezione nell’UE). Seguono gli afghani (18%) e i venezuelani (10%). 

Richiedenti asilo cui è stato concesso lo status di protezione nell'UE, 2023, numero di decisioni positive per paese di cittadinanza, quota sul totale UE. Grafico. Vedi il collegamento al set di dati completo di seguito.
Le percentuali sulla nazionalità dei richiedenti asilo. Infografica Eurostat

Nel 2023, nell’UE sono state adottate 674.125 decisioni di prima istanza sulle domande di asilo e altre 191.530 decisioni finali a seguito di un ricorso o di una revisione. Le decisioni prese in prima istanza hanno portato alla concessione dello status di protezione a 358.235 persone, mentre altre 51.250 persone hanno ottenuto lo status di protezione dopo un ricorso o una revisione.

Il tasso di riconoscimento a livello UE, cioè la percentuale di tutte le decisioni positive sul numero totale delle decisioni, è stato del 53% per le decisioni di primo grado. Per le decisioni definitive su ricorso o revisione, il tasso di riconoscimento è stato del 27%. Questi tassi includono sia lo status di protezione internazionale (ovvero lo status di rifugiato e la protezione sussidiaria) sia lo status di protezione nazionale (lo status umanitario basato sulla legislazione nazionale).

LEGGI ANCHE:  Stipendi più alti nelle aziende che registrano i propri marchi.

Tra le prime 10 cittadinanze che hanno ricevuto decisioni di primo grado nel 2023, siriani e venezuelani (entrambi al 94%) e afghani (80%) hanno registrato i tassi di riconoscimento più alti.

Per le decisioni di ultima istanza a seguito di un ricorso o di una revisione nel 2023, i siriani (79%), gli afghani (46%) e gli iraniani (43%) hanno registrato i tassi di riconoscimento più elevati.