The State of the Union: più di 100 decisori si riuniscono a Firenze per discutere del futuro dell’Europa.

Ha preso il via oggi a Firenze l’ evento The State of the Union che vedrà protagonisti politici, accademici e professionisti del settore privato provenienti da 40 Paesi per discutere sull’attuale crisi geopolitica e sul futuro dell’UE.

In particolare, sono previste sessioni dedicate all’impatto provocato dalla guerra in Ucraina, a partire dalla gestione dei flussi migratori e fino ad arrivare alla risposta dell’UE alla Russia di Vladimir Putin.

Nel corso della 3 giorni, saranno discusse anche le sfide sulla transizione verde dell’economia europea, sul cambiamento demografico, sull’unione fiscale in UE e sulla democrazia partecipativa.

“Siamo orgogliosi di accogliere una schiera così qualificata di relatori di alto livello per discutere del futuro dell’Europa – ha dichiarato il presidente dell’ European University Institute, Renaud Dehousse -. Mentre la guerra infuria in Ucraina , è più importante che mai concentrarsi su ciò che ci unisce e identificare le sfide comuni”.

LEGGI ANCHE:  Bielorussia, Borrell: "Referendum costituzionale non democratico".