Sviluppo sotenibile, UE: “Realizzare obiettivi in tutto il mondo”.

L’Unione Europea ha presentato ieri alle Nazioni Unite a New York il suo primo Voluntary Review sull’attuazione dell’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, la revisione dell’Unione che sottolinea l’impegno nei confronti dell’Agenda 2030 e dei suoi obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS). 

Un documento, nel dettaglio, che fornisce una panoramica del modo in cui le azioni interne ed esterne dell’UE stanno contribuendo alla realizzazione dei 17 obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS) sia all’interno dell’UE che nei Paesi partner.

“La Commissione europea sta attuando l’Agenda 2030 attraverso un approccio “intero governo”, integrando gli SDG in tutte le proposte, politiche e strategie – si legge nella nota dell’Esecutivo von der Leyen -. Dal 2020 i programmi di lavoro annuali della Commissione hanno posto gli OSS al centro del processo decisionale dell’UE. Si riflettono in particolare in iniziative faro come il Green Deal europeo e NextGenerationEU . Questi comportano ingenti finanziamenti, ad esempio attraverso il Recovery and Resilience Facility per sostenere le riforme e gli investimenti che contribuiscono concretamente a compiere progressi sugli SDG”.

Secondo i dati più recenti di Eurostat, l’UE ha compiuto progressi nella realizzazione della maggior parte degli obiettivi di sviluppo sostenibile, anche se questo progresso non è sempre stato uniforme. L’UE ha ottenuto i migliori risultati nel garantire un lavoro dignitoso, la crescita economica e la riduzione della povertà (probabilmente non in Italia). Discutibile, invece il punto sulla promozione della pace (vedi l’ok alla produzione di più armi) e di società e istituzioni inclusive, dati i crescenti livelli di opacità del processo decisionale e del rapporto con i cittadini.

LEGGI ANCHE:  Azzerare le emissioni: una strada in salita secondo la Corte dei conti europea.

Per quanto riguarda l’istruzione e la formazione (SDG 4), l’UE ha compiuto progressi significativi nell’istruzione della prima infanzia, riducendo il numero di abbandoni scolastici (anche qui decisamente non nel Sud Italia), promuovendo programmi di apprendistato nell’istruzione e formazione professionale (IFP) e aumentando il livello di istruzione terziaria.

Per quanto riguarda il lavoro dignitoso per tutti e la crescita economica (SDG 8), l’economia dell’UE ha registrato una crescita forte e continua tra il 2014 e il 2019. In questo periodo sono stati creati oltre 14,5 milioni di posti di lavoro. La tendenza positiva si è indebolita nel 2020 a causa della pandemia di COVID-19, ma l’economia dell’UE, sostenuta dal piano di ripresa dell’Europa, ha registrato una forte ripresa nel 2021 e nel 2022. Ciò si è visto anche nel mercato del lavoro, con il tasso di occupazione dell’UE che ha raggiunto un record massimo del 74,6%.

Per compiere progressi decisivi in ​​materia di azione per il clima (SDG 13), l’UE ha recentemente concordato un quadro normativo e politico rinnovato a sostegno di una maggiore ambizione climatica.

Per affrontare la discriminazione (OSS 10 e OSS 16), la Commissione ha adottato il piano d’azione dell’UE contro il razzismo, il quadro strategico dell’UE per i Rom per l’uguaglianza, l’inclusione e la partecipazione, la strategia per l’uguaglianza LGBTIQ, la strategia dell’UE per combattere l’antisemitismo e promuovere la vita ebraica e la Strategia per i diritti delle persone con disabilità 2021-2030.

Tuttavia, gli shock esterni hanno messo a dura prova la ripresa post-pandemia e i progressi in materia di sviluppo sostenibile nell’UE e nel mondo. I progressi nel conseguimento degli OSS sono rallentati dal 2020 a causa delle molteplici crisi, portando talvolta a un’inversione di tendenza in atto. Sono necessari ulteriori progressi su molti obiettivi di sviluppo sostenibile, in particolare quelli relativi all’azione per il clima e alla protezione e all’uso sostenibile delle risorse naturali. Accelerare l’attuazione degli OSS è più urgente che mai, con particolare attenzione alle persone in situazioni vulnerabili.

LEGGI ANCHE:  G7 Energia e Ambiente: Pichetto e Gava volano in Giappone.

L’eliminazione della povertà, la lotta alla discriminazione e alle disuguaglianze e il non lasciare indietro nessuno sono al centro dei partenariati internazionali dell’UE. A tal fine, l’azione esterna dell’UE è mirata in modo da contribuire agli obiettivi di sviluppo sostenibile; l’UE contribuisce a promuovere la crescita e lo sviluppo sostenibile con i suoi partner internazionali, anche attraverso i suoi accordi commerciali ed economici. In qualità di principale donatore multilaterale unico di aiuti pubblici allo sviluppo (APS) al mondo, l’UE sta convogliando i propri finanziamenti verso i più bisognosi. Nel 2022 l’UE e i suoi Stati membri hanno erogato 92,8 miliardi di euro di APS secondo i dati preliminari dell’OCSE. Ciò rappresenta il 43% di tutto l’APS fornito. Per affrontare la crisi alimentare globale, esacerbata dalla guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina,

Attraverso i suoi partenariati internazionali, l’UE persegue progressi verso gli obiettivi di sviluppo sostenibile insieme alle priorità dell’UE, come il sostegno alla duplice transizione verde e digitale. Dal dicembre 2021 l’UE ha lanciato Global Gateway, la sua strategia per mobilitare investimenti sostenibili nelle infrastrutture e favorire l’ambiente nei paesi partner. Global Gateway contribuirà direttamente al progresso su una serie di obiettivi di sviluppo sostenibile interconnessi, in particolare attraverso investimenti nelle infrastrutture dei trasporti, dell’energia e della digitalizzazione, nonché della sanità e dell’istruzione. In un approccio Team Europe, l’UE e i suoi Stati membri mirano a mobilitare fino a 300 miliardi di EUR entro il 2027 in investimenti pubblici e privati ​​per colmare il deficit di finanziamento degli OSS.

LEGGI ANCHE:  Blue economy, Quirico Sanna: "Sostenibilità e rispetto degli equilibri per allinearci all'Agenda 2030".

Almeno il 20% del bilancio di 79,5 miliardi di EUR nell’ambito dello strumento di vicinato, sviluppo e cooperazione internazionale — Europa globale contribuirà fino al 2027 allo sviluppo umano e al principio di non lasciare indietro nessuno, rivolgendosi alle persone che vivono nelle situazioni e nei contesti di crisi più poveri e vulnerabili , in particolare in materia di salute (SDG 3), istruzione (SDG 4), protezione sociale (SDG 1) e parità di genere (SDG 5). L’istruzione è essenziale per sradicare la povertà e raggiungere gli SDG. L’UE presta particolare attenzione al miglioramento dell’accesso a un’istruzione di qualità e alla formazione professionale, anche per le ragazze, i bambini più poveri e i bambini con disabilità. La quota di finanziamento per l’istruzione aumenterà dal 7% ad almeno il 10% del bilancio dei partenariati internazionali dell’UE.

Per sottolineare l’impegno dell’UE a favore degli OSS, del multilateralismo inclusivo e del non lasciare indietro nessuno, la commissaria per i partenariati internazionali, Jutta Urpilainen , ha annunciato due nuovi finanziamenti al Forum politico di alto livello. L’UE contribuirà con 30 milioni di EUR allo sportello per la trasformazione digitale del Fondo comune per gli OSS per la sua fase di attuazione 2022-2025. Inoltre, il Commissario ha annunciato un finanziamento di 5 milioni di euro al Fondo fiduciario multipartner del partenariato delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità.