L’UE e gli obiettivi di sviluppo sostenibile: come si è comportata l’UE?

Eurostat ha pubblicato oggi la pubblicazione “Sviluppo sostenibile nell’Unione europea: relazione di monitoraggio sui progressi verso gli obiettivi di sviluppo sostenibile nel contesto dell’UE – Edizione 2024”, pubblicazione che fornisce ai lettori una panoramica statistica dei progressi compiuti dall’UE verso i suoi obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) .

Il rapporto di monitoraggio di Eurostat mostra che, sulla base della valutazione dei dati disponibili negli ultimi cinque anni, l’UE ha compiuto progressi verso la maggior parte degli obiettivi di sviluppo sostenibile, mentre è rimasta leggermente indietro rispetto ad alcuni obiettivi.

L’UE ha compiuto progressi molto significativi in ​​termini di riduzione delle disuguaglianze (SDG 10) e di lavoro dignitoso e crescita economica (SDG 8), con diversi indicatori che hanno raggiunto valori record. Sono stati compiuti progressi significativi anche in termini di eliminazione della povertà (SDG 1).

LEGGI ANCHE:  Bielorussia, Josep Borrell: "Le elezioni non sono state né libere né eque".

Sono stati ottenuti buoni risultati riguardo agli obiettivi sull’agricoltura sostenibile (SDG 2), innovazione e infrastrutture (SDG 9), consumo e produzione sostenibili (SDG 12), vita sott’acqua (SDG 14), istruzione di qualità (SDG 4) e uguaglianza di genere (SDG 4). OSS 5).

Nel frattempo, gli obiettivi su pace, giustizia e istituzioni forti (SDG 16), città e comunità sostenibili (SDG 11) e partenariati globali (SDG 17) hanno registrato progressi moderati nell’UE. Questo è stato anche il caso dell’OSS 13, l’azione per il clima.

Per quanto riguarda l’obiettivo sull’acqua pulita e i servizi igienico-sanitari (SDG 6), diversi indicatori mostrano sviluppi positivi, ma altri non mostrano alcun progresso o addirittura un allontanamento.

Per quanto riguarda l’energia pulita e a prezzi accessibili (SDG 7), è stato osservato un leggero allontanamento in termini di accessibilità energetica e di dipendenza dalle importazioni energetiche dell’UE a causa dell’impatto negativo della guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina e della conseguente crisi energetica nell’UE.
L’obiettivo sulla salute e il benessere (SDG 3) ha risentito delle battute d’arresto della pandemia di COVID-19 che sono ora pienamente visibili nei dati disponibili.

LEGGI ANCHE:  Rifiuti: 32 milioni di tonnellate esportate dall'Ue nei Paesi terzi nel 2022.

L’obiettivo sulla vita sulla terra (SDG 15) è caratterizzato da diverse tendenze insostenibili nei settori della biodiversità e del degrado del suolo, che portano a una valutazione moderatamente sfavorevole dei progressi dell’UE in questo settore nel breve periodo valutato.

Il set di indicatori degli OSS dell’UE è strutturato lungo 17 obiettivi, con 102 indicatori, rivisti ogni anno, allineati ma non identici agli indicatori degli OSS delle Nazioni Unite utilizzati come base per monitorare i progressi verso gli OSS in un contesto dell’UE. Molti degli indicatori vengono utilizzati anche per monitorare le politiche esistenti come l’ ottavo programma d’azione per l’ambiente e il piano d’azione sul pilastro europeo dei diritti sociali .

LEGGI ANCHE:  Nuove sanzioni alla Russia, von der Leyen: "L'aggressore deve pagare".