Startup: 4 miliardi per far crescere le imprese all’estero.

Sono quattro i miliardi di euro destinati da SIMEST attraverso il Fond 394, alle micro e piccole imprese con finanziamenti a tassi agevolati, fino allo 0,464%, e una quota di cofinanziamento a fondo perduto fino al 10%.

Uno strumento di finanza agevolata per il finanziamento degli investimenti dedicati alla crescita estera delle imprese che vede anche la partecipazione del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale.

“Si tratta – ha commentato il responsabile per l’internazionalizzazione di Sicindustria/Een, Nino Salerno – di strumenti fondamentali per le imprese che decidono di misurarsi sui mercati globali. Essere realmente competitivi e crescere all’estero, infatti, non è cosa semplice; richiede determinazione, un cambio del business model, l’apertura verso strategie. Il tutto, sostenuto da investimenti importanti e costanti”.

LEGGI ANCHE:  Successo per le giovani start-up sarde al CES di Las Vegas.

Tra le principali novità previste dal Fondo 394, il sostegno agli investimenti per la transizione ecologica e digitale e per il rafforzamento della solidità patrimoniale delle imprese con vocazione internazionale; benefici per le imprese appartenenti alle filiere produttive votate all’export e per le imprese impattate da rincari dei costi energetici. Ancora, condizioni dedicate per le imprese con interessi diretti in aree strategiche per il made in Italy, come i Balcani Occidentali, e per quelle localizzate nei territori colpiti dalla recente alluvione in Emilia-Romagna.

Nello specifico, sono sei le linee di finanziamento:transizione digitale o ecologica, dedicate alle imprese che vogliono effettuare investimenti per l’innovazione digitale o per la transizione ecologica nonché investimenti produttivi generici per il rafforzamento della solidità patrimoniale, a beneficio della loro competitività sui mercati internazionali.

LEGGI ANCHE:  Start up innovative, green ed export, Maurizio Gardini: "Ecco il vaccino 'anti covid' delle imprese italiane".

In particolare, saranno finanziati programmi di inserimento nei mercati internazionali o il rafforzamento della propria presenza su mercati già presidiati, certificazioni di prodotto e consulenze, la partecipazione a fiere ed eventi per la promozione di beni e servizi. Inoltre, fanno sapere dalla SIMEST saranno finanziabili interventi per lo sviluppo del commercio elettronico e l’ammissibilità di temporary manager, ovvero figure temporanee specializzate nella realizzazione di progetti di internazionalizzazione e innovazione.

foto Sardegnagol, riproduzione riservata