Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com Sole 24ore: Oristano provincia a misura di bambino. - Sardegnagol

Sole 24ore: Oristano provincia a misura di bambino.

Oristano è una provincia a misura di bambino. Lo attesta uno studio sulla qualità della vita pubblicato dal Sole 24 ore che assegna a Oristano il terzo posto a livello nazionale per la qualità dei servizi per i bambini.

La sfida della Qualità della vita declinata su tre target generazionali, bambini, giovani e anziani, in base agli indicatori statistici selezionati dal Sole 24 Ore, premia dunque le due province sarde per la fascia d’età più giovane.

“Siamo orgogliosi di questo risultato, ma per Oristano non è una novità assoluta – osserva il Sindaco Andrea Lutzu – Da anni Torre Grande è premiata dai pediatri italiani con la bandiera verde come spiaggia a misura di bambino. Inoltre, le stesse classifiche del Sole 24 ore ogni anno attribuiscono buoni risultati sulla qualità della vita, con punte di eccellenza su indicatori come l’ecosistema urbano e la sicurezza e purtroppo note dolenti sul fronte dell’economia e del lavoro”.

LEGGI ANCHE:  L'Inpgi (tranne l'Inpgi2) verso l'INPS, Marina Macelloni: "Resterà presidio di difesa della professione".

Lo studio del quotidiano economico sulle tre nuove classifiche “generazionali” (ciascuna composta da 12 parametri) misura con i numeri la vivibilità dei territorio per bambini, giovani e anziani. Gli indicatori evidenziano particolari aspetti che influenzano la qualità della loro vita. Ad ogni parametro è stato assegnato un punteggio per ciascuna provincia da 1000 a 0. E la classifica finale è il risultato della media dei punteggi conseguiti.

I tre nuovi indici documentano la capacità delle istituzioni di mettere in campo servizi efficienti, le relative condizioni di vita, le lacune nei confronti dei più fragili e le aspettative dei più giovani.

Ne emerge un quadro nel quale, da Nord a Sud, i divari territoriali assumono purtroppo anche contorni generazionali.

LEGGI ANCHE:  Fase 2: Lo sport oristanese si riunisce in vista della ripresa

Mentre si conferma il ritardo generale del Mezzogiorno che nelle tre graduatorie popola quasi sempre il fondo delle classifiche, è confrontando i singoli indicatori che si scoprono realtà locali complesse e sfaccettate.

Scorrendo i singoli indicatori si scopre che sul risultato finale di Oristano incide l’ottimo punteggio ottenuto per il verde attrezzato nel capoluogo con il numero di metri quadrati per ogni bambino, buona la posizione anche per i giardini scolastici e per il numero medio di studenti per classe nelle scuole pubbliche, lo spazio abitativo calcolato come rapporto tra superficie e componenti del nucleo familiare e infine per il numero di pediatri attivi ogni mille residenti. Risultati negativi invece per il tasso di fecondità e per la presenza di scuole dello sport e numero di bambini tra i 6 e i 14 anni che praticano sport agonistico.

LEGGI ANCHE:  Oristano. Accordo di cooperazione con la Slovacchia.