“Se stasera siamo qui”, al Massimo di Cagliari arriva Mogol.

Una serata speciale in compagnia di Mogol e Alessandro Preziosi, due grandi artisti insieme per ricordare le storie, gli aneddoti e le curiosità dei testi delle canzoni di una straordinaria stagione della musica leggera italiana. Maestro incontrastato, Mogol è uno dei più grandi parolieri della musica italiana: dagli esordi con l’etichetta discografica Ricordi, al legame con l’amico fraterno Lucio Battisti. Un viaggio nella storia di straordinari sodalizi artistici: dai grandi successi con Celentano, Gianni Morandi e Mango, fino all’impegno per i giovani con il Centro Europeo di Toscolano (CET), la Scuola di formazione per musicisti, autori e cantanti fondata da Mogol agli inizi degli anni Novanta. La serata del 22 ottobre sarà preceduta il giorno prima, sabato 21 ottobre, da una masterclass a entrata libera, tenuta dallo stesso Mogol.

LEGGI ANCHE:  Firmata la convenzione Anci-Collegio dei Geometri di Cagliari

L’incontro con Mogol inaugura il programma della nuova “Accademia del pop”, iniziativa intrapresa da Sardegna Concerti e finanziata dalla Fondazione Sardegna con la direzione artistica di Massimo Satta: una serie di appuntamenti che intendono celebrare la musica come espressione artistica, sociale ed economica rivolta alla formazione del pubblico attraverso delle lezioni concerto, e rivolta alla crescita professionale dei giovani attraverso lo strumento delle masterclass. Prossimo appuntamento, venerdì 17 e sabato 18 novembre con la cantautrice Laura Valente e il suo “On stage”, stage per cantanti e interpreti, cui seguirà il concerto domenica 19 novembre sempre al Teatro Massimo.

Domenica 22 ottobre, sul palco del Teatro Massimo assieme a Mogol, anche l’attore Alessandro Preziosi, volto noto del cinema e della televisione: “Sotto i riflettori a fianco di Mogol il tempo si ferma, e quando succede smetti di avere paura. La cosa più interessante di quest’avventura è smettere di preoccuparti di una cosa che tu pensi di non saper fare e che invece fai grazie alla sua presenza, a quei testi, a quei musicisti. Dice bene lui: tutto quello che è retorica e aforisma generico con lui trova una praticabilità. La musica fa bene alla salute, alla vita, e io con lui sul palco sono ringiovanito. Il mio canto è libero”.

LEGGI ANCHE:  Sant’Avendrace. Proseguono i non-lavori dell’Assessore “Asascarescia”.

Tanta musica dunque nelle due ore dello spettacolo: i brani più celebri sono eseguiti per l’occasione dalla Sardinia Rock Band composta da Gabriele Pancotto (voce), Massimo Satta e Federico Valenti (chitarre), Massimo Pancotto e Daniele Serpi (piano, hammond, tastiere), Fabio Useli (basso), Alex Muntoni (batteria). La direzione musicale è curata da Massimo Satta, collaboratore di Mogol e docente del CET. La serata fa parte del progetto “L’Accademia del pop” e prevede anche una masterclass di due ore in calendario il 21 ottobre (dalle 17 alle 19, entrata libera) tenuta da Mogol e intitolata “Il cammino del pop: l’evoluzione dell’interpretazione dalla romanza ad oggi”.