Scioperi, Corte dei Conti: “Valutare danni erariali Pubblica Amministrazione”.

Valutare i possibili risvolti, in termini di danno erariale, in caso di scioperi nei servizi pubblici essenziali. È quanto prevede un atto di indirizzo del Procuratore Generale della Corte dei conti, Angelo Canale, emesso al termine del confronto con la Commissione di garanzia sugli scioperi.

Si tratta, spiegano dalla Corte dei Conti, di un passo di grande importanza, poiché viene chiarito per la prima volta che, “nella filiera degli appalti pubblici di servizi, gli scioperi e il danno alla collettività che ne consegue possono essere imputati a precise responsabilità delle amministrazioni locali nella loro veste di stazioni appaltanti”. 

A titolo di esempio, nel settore dei rifiuti e dell’igiene ambientale, l’elevata conflittualità dipende dall’inaccettabile fenomeno del mancato pagamento delle retribuzioni ai lavoratori, derivato dalla mancata corresponsione del canone del servizio da parte del Comune appaltante che, per varie ragioni, tra cui la mancata riscossione del tributo locale, non dispone delle risorse economiche necessarie. 

LEGGI ANCHE:  Covid, il bilancio della prima giornata di controlli in porti e aeroporti. 'Sardegna Sicura’ ora su app.

Un circolo vizioso, che si ripercuote negativamente sui cittadini e sulla collettività, che ha reso necessaria la creazione di una struttura di monitoraggio in capo alla Commissione di garanzia e, in caso di segnalazione, l’intervento della Corte dei conti. Un’azione mirata a garantire, specie nel delicato momento attuale, che le risorse pubbliche siano correttamente impiegate nel rispetto di standard economici e di sostenibilità sociale.