Sangiuliano: “Le domus de janas eccezionale ricchezza, meritano iscrizione all’UNESCO”

“Sono lieto che la Commissione Nazionale UNESCO abbia accolto la proposto del Ministero della Cultura e abbia deciso di presentare le domus de janas per l’iscrizione nella Lista del Patrimonio Mondiale. I 26 siti custodiscono una testimonianza storico-culturale di eccezionale valore universale che ben illustra la ricchezza del patrimonio sardo”. 

Lo ha dichiarato il Ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano al termine del Consiglio Direttivo della Commissione Nazionale italiana per l’UNESCO, che ha deliberato oggi la presentazione ufficiale della candidatura del sito “Arte e architettura nella Preistoria della Sardegna. Le domus de janas” per l’iscrizione nella Lista del Patrimonio Mondiale UNESCO.

La candidatura, promossa dall’Associazione Centro Studi Identità e Memoria – Sardegna e sostenuta dalla Regione Sardegna, dalla rete dei Comuni delle Domus de janas e dai 37 Comuni coinvolti nel progetto, è stata coordinata dal Servizio UNESCO del Segretariato generale con l’assistenza degli Uffici territoriali competenti del Ministero della Cultura. 

LEGGI ANCHE:  Agricoltura, diminuiscono le prospettive per i giovani agricoltori.

Il sito seriale, formato da 26 componenti, identifica un’epoca particolarmente importante per la storia dell’isola al centro del Mediterraneo, compresa tra il V e il III millennio a.C. Le componenti individuate si riferiscono ai monumenti più rappresentativi di questo periodo storico, che va dal Neolitico medio all’Età del rame, e riferibili ai due grandi fenomeni dell’ipogeismo e del megalitismo. Entrambi, diffusi nelle coeve civiltà europee, assumono in Sardegna aspetti e connotazioni peculiari, che testimoniano gli scambi con il mondo esterno, ma allo stesso tempo le originali rielaborazioni locali.

Attraverso elementi legati alle funzioni civili, funerarie, culturali e religiose, sottolineate in molti casi dalle importanti ed elaborate manifestazioni artistiche, è possibile ricostruire la vita quotidiana delle comunità che abitarono la Sardegna in quell’epoca.

LEGGI ANCHE:  Eurodeputati Siciliani. Nessun post per il 'caso Sardegna'.

Particolarmente note sono le cosiddette domus de janas, le “case delle fate”, strutture funerarie spesso riccamente decorate, che sono nei secoli diventate parte comune e identitaria dell’immaginario dell’isola. 

La candidatura sarà sottoposta all’esame degli organismi consultivi del Comitato del Patrimonio Mondiale e poi, nel 2025, alla valutazione del Comitato della Convenzione del 1972.

foto MiC