Come gli utenti di Internet hanno protetto i propri dati nel 2023.

Nel 2023, secondo l’Eurostat, solo il 36% degli utenti Internet dell’UE legge le informative sulla privacy prima di fornire dati personali. Più della metà (54%) degli utenti di Internet ha rifiutato di consentire l’utilizzo dei dati personali per scopi pubblicitari e poco più della metà (51%) ha limitato o rifiutato l’accesso alla propria posizione geografica. Inoltre, il 41% ha limitato l’accesso al proprio profilo o ai contenuti sui siti di social network o sullo spazio di archiviazione online condiviso.

Per quanto riguarda la protezione dei dati personali condivisi, solo il 35% ha verificato che il sito web in cui hanno fornito i propri dati personali fosse sicuro.

LEGGI ANCHE:  Agenzia Giovani. Al via la formazione dei mentor dei giovani volontari europei.

Considerando tutti questi metodi di controllo dell’uso dei dati personali, quasi tre quarti (73%) degli utenti Internet dell’UE hanno gestito in qualche modo l’accesso ai propri dati personali online nel 2023.

La percentuale di utenti Internet che hanno gestito l’accesso ai propri dati personali nel 2023 variava tra i paesi dell’UE. Le percentuali più elevate sono state osservate in Finlandia e Paesi Bassi (entrambi al 93%), seguiti dalla Repubblica Ceca (89%).

Al contrario, le quote più basse sono state registrate in Romania (52%), Lettonia (55%) e Slovenia (57%). 

foto Gerd Altmann from Pixabay.com