Riparte il Master & Back: 4 milioni di euro per i giovani sardi.

Riparte il Master & Back, il programma della Regione  che consente ai giovani sardi di lasciare l’isola per svolgere un percorso di alta formazione post lauream in prestigiose università e istituzioni non universitarie. Un programma, come ampiamente risaputo, dimostratosi valido per quanto concerne la fase formativa all’estero, mentre decisamente fallimentare si è rilevato nella cosiddetta fase del Back, producendo in molti casi precariato ed esperienze occupazionali di breve-medio periodo.

Nonostante ciò, nell’avviso online pubblicato dalla Regione Sardegna per la prima volta ci sarà una linea di finanziamento dedicata ai percorsi di Alta Formazione nell’ambito delle discipline scientifiche, tecnologiche, ingegneristiche e matematiche (STEM). Inoltre, nei percorsi finanziabili sono inclusi master in discipline AFAM (Alta Formazione Artistico Musicale e Coreutica) e i percorsi di alta professionalizzazione erogati da istituti di eccellenza certificati e accreditati.

LEGGI ANCHE:  Esami di Stato: le statistiche sugli esiti del I e II ciclo di istruzione. 

Un altro aspetto innovativo  è l’apertura del bando a coloro che sono  in possesso della laurea triennale e sono stati ammessi all’ultimo anno di un percorso di laurea specialistica/magistrale nelle discipline STEM oppure a chi decide di frequentare un Master di I livello.

È stato, inoltre, innalzato il limite di età dei partecipanti a 45 anni.

Per essere ammessi sarà necessario essere residenti in Sardegna, aver conseguito la laurea a ciclo unico o specialistica/magistrale o triennale, essere in possesso di apposita lettera di accettazione rilasciata dall’organismo ospitante oppure essere iscritti all’ultimo anno di un corso di laurea specialistica/magistrale. Ulteriore requisito, avere un ISEE non superiore a 72 mila euro.

LEGGI ANCHE:  Ondate di calore. La mortalità nel Mediterraneo.

I percorsi formativi dovranno svolgersi in università e istituti non universitari che operano fuori dalla Sardegna e concludersi entro il 31 ottobre 2023.

La borsa di studio messa a disposizione dalla Regione Sardegna prevede il rimborso delle tasse di iscrizione fino ad un massimo di 18 mila euro, il costo forfettario delle spese di vitto e alloggio fino ad un massimo di 18 mila euro e il costo una tantum delle spese di viaggio per una tratta andata e ritorno. Si spera, riflettendo su questo aspetto, che dagli uffici dell’Aspal si sia imparato dagli errori passati e che le borse vengano erogate tempestivamente ai beneficiari, possibilmente con largo anticipo rispetto all’inizio dei percorsi formativi all’estero.

LEGGI ANCHE:  Giovani e lavoro, quasi 800mila assunzioni entro il 2026.

Lo stanziamento totale è di circa 4 milioni di euro e si stima di finanziare circa 150/200 percorsi di eccellenza.

La domanda di partecipazione completa di tutti gli allegati richiesti dev’essere inviata tramite PEC entro  il 30 novembre  ad aspal.altaformazione@pec.regione.sardegna.it.