Ricerca. Azioni coordinate di ricerca e innovazione in tutta l’UE.

La presidenza croata del Consiglio dell’UE ha organizzato una videoconferenza informale dei ministri della ricerca dell’UE per discutere della risposta comune in materia di ricerca e innovazione a COVID-19. Alla videoconferenza presieduta da Blaženka Divjak, ministro della ricerca e dell’istruzione della Repubblica di Croazia, ha partecipato anche il commissario europeo per l’innovazione, la ricerca, la cultura, l’istruzione e la gioventù, Mariya Gabriel.

“La ricerca e l’innovazione – per la Commissaria Gabriel – stanno fornendo la speranza e le conoscenze scientifiche di cui abbiamo bisogno per combattere il coronavirus. Per avere un impatto maggiore, dobbiamo cooperare ancora più da vicino in tutta l’UE e oltre. Accolgo con grande favore il sostegno dato dai ministri alle prime azioni immediate “ERAvsCorona”. Forniscono un’ottima base per coordinare, condividere informazioni e dati di ricerca e finanziare azioni prioritarie. Unire le forze ci rende più forti nell’affrontare questo virus “.

La crisi causata dalla pandemia di COVID-19 ha un impatto senza precedenti sui nostri sistemi sanitari, società ed economie. La ricerca e l’innovazione sono chiamate a svolgere un ruolo importante nel superare questa crisi. Solo con l’aiuto della ricerca e dei nostri scienziati saremo in grado di rispondere a una serie di attuali sfide globali – dalla scoperta del vaccino al salvataggio delle nostre economie per recuperare nel più breve tempo possibile. Oggi più che mai, gli scienziati sono diventati consulenti insostituibili per i decisori in diversi settori, dalla salute all’istruzione e all’economia.

“Raggiungere i nostri ricercatori e innovatori nella lotta contro il COVID-19 non è mai stato così cruciale nella nostra vita. Le discussioni di oggi dimostrano che siamo tutti determinati a coordinare le nostre azioni volte a ottimizzare le condizioni in cui i nostri scienziati lavorano per il nostro benessere collettivo”, ha dichiarato Blaženka Divjak, ministro della scienza e dell’educazione della Croazia.

Il 26 marzo, i leader dell’UE hanno riconosciuto la ricerca e l’innovazione come uno dei cinque settori principali in cui gli sforzi e gli investimenti devono continuare per contribuire a superare la crisi. A seguito di questa richiesta, oggi i ministri della ricerca dell’UE hanno espresso il proprio sostegno a una prima serie di 10 azioni che possono essere attuate a livello dell’UE in un periodo di tempo molto breve. I ministri hanno anche scambiato opinioni su come la ricerca e l’innovazione dell’UE dovrebbero rispondere agli effetti a medio e lungo termine della crisi. Hanno anche discusso dell’importante ruolo degli scienziati nel consigliare i decisori.

Durante la videoconferenza, ancora, i ministri hanno sottolineato che il piano comune che elenca le azioni prioritarie dovrebbe essere periodicamente aggiornato in modo co-creativo tra i servizi della Commissione e le amministrazioni nazionali nei prossimi mesi. È stato ampiamente riconosciuto che lo Spazio europeo della ricerca, sulla base delle recenti lezioni apprese, dovrebbe cercare di fornire una risposta più rapida a simili crisi future.

“La ricerca è la chiave per comprendere e affrontare l’impatto di questa pandemia sulla nostra società e sulla nostra economia. Gli sforzi a tutti i livelli devono essere innanzitutto guidati dalla necessità di proteggere i nostri cittadini e preservare la loro qualità di vita “, ha concluso il Ministro Blaženka Divjak.

Copyright: European Union

LEGGI ANCHE:  Guerra in Ucraina. Il quadro di sintesi dell'assistenza militare UE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.