Quarta commissione, PL 284: parere favorevole su ambiente, trasporti e urbanistica.

La commissione Governo del Territorio del Consiglio regionale, ha approvato, a maggioranza con l’astensione dei consiglieri di minoranza, i pareri sulle parti di competenza della proposta di legge 284 “Disposizioni di carattere istituzionale-finanziario e in materia di sviluppo economico e sociale”. Nel corso della seduta sono stati sentiti in audizione l’assessore regionale dei Trasporti, Giorgio Todde, con la direttrice generale dell’assessorato, Gabriella Massidda, e l’assessore regionale dell’Ambente, Gianni Lampis.

In materia di trasporti sono stati illustrati ai commissari l’articolo 10, che prevede per il 2021 l’istituzione di un fondo integrativo di 15 milioni di euro a sostegno dei gestori aeroportuali e dei prestatori di servizi aeroportuali di assistenza a terra, che  operano nell’Isola e l’articolo 19, norma che ha l’obiettivo di mitigare gli effetti negativi dell’emergenza epidemiologica da Covid 19 assicurando continuità aziendale per i gestori di servizi di trasporto pubblico locale e regionale su gomma e metro attraverso la ridefinizione degli affidamenti.

Il fondo da 15 milioni, come spiegato dall’assessore e dalla direttrice, “è finalizzato all’erogazione di un contributo integrativo pari alla differenza tra il contributo statale riconosciuto e quello erogabile dal Ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili nell’ambito delle misure compensative previste dalla legge n. 178 del 2020, finalizzata a mitigare gli effetti economici sull’intero settore aeroportuale, derivanti dall’emergenza epidemiologica da Covid19. Secondo Massidda la dotazione nazionale sarebbe insufficiente a coprire l’intero fabbisogno derivante dalle perdite subite dalle società di gestione aeroportuale e prestatori di servizi aeroportuali di assistenza a terra, mentre con questa norma “sarà possibile integrare quanto erogato dal governo nazionale”.

LEGGI ANCHE:  Diffamazione della Sardegna. Il Consiglio approva l'ordine del giorno.

La direttrice ha anche sottolineato che “il Ministero sta effettuando le verifiche tra gli importi richiesti e quelli realmente spettanti su tutto il territorio nazionale, così che anche la Regione avrà l’entità esatta dei ristori spettanti e si eviterà una sovracompensazione”.

La Commissione ha poi sentito l’assessore Lampis sugli articoli 1 e 26. Il primo articolo della proposta di legge riguarda gli interventi per fronteggiare gli effetti calamitosi dovuti alla diffusione degli incendi boschivi e di interfaccia nel territorio dell’oristanese nelle giornate dal 23 al 30 luglio 2021.

In particolare si tratta di uno stanziamento complessivo di 20 milioni di euro: 10 milioni per l’erogazione di contributi a favore dei soggetti privati e attività produttive, comprese quelle agricole che siano stati danneggiati dall’incendio; 7 milioni destinati alla concessione di contributi a favore degli enti locali e dell’Agenzia forestale regionale per lo sviluppo del territorio e dell’ambiente della Sardegna per interventi di ripristino delle strutture e infrastrutture danneggiate e delle condizioni di sicurezza, nonché per interventi rivolti alla mitigazione del dissesto idrogeologico delle aree interessate dall’incendio; gli altri 3 milioni di euro destinati a favore degli enti locali per i primi urgenti interventi a sostegno degli imprenditori agricoli che hanno subito danni alle scorte a seguito dell’incendio.

LEGGI ANCHE:  Dl Sostegni, Progressisti: "L'ennesima beffa alle imprese".

L’assessore Lampis ha poi annunciato che “sarà utilizzato lo stesso metodo adottato in occasione dell’alluvione di Bitti, che ha consentito tempi celeri nell’erogazione delle risorse”, ricordando inoltre che “Forestas ha già ricevuto l’incarico di avviare i lavori più urgenti in previsione dell’autunno e che saranno acquistati mezzi antincendio per oltre 2 milioni di euro, per la prossima stagione estiva”.

L’esponente della Giunta ha anche sottolineato l’importanza di avviare al più presto i concorsi per il Corpo forestale, il cui personale ha un’età media di 58 anni, e per Forestas, i cui lavoratori hanno un’età media di 59 anni, che quindi presto andranno in pensione.

Lampis ha anche sottolineato che è necessario sollecitare il Governo nazionale affinché aumenti la dotazione dei mezzi aerei per il contrasto agli incendi.

LEGGI ANCHE:  Blue Tongue e peste suina africana, le audizioni dei vertici dell'Izs nelle commissioni permanenti del Consiglio.

Sul tema sono intervenuti per l’opposizione Valter Piscedda (Pd), Maria Laura Orrù (Progressisti), Roberto Li Gioi (M5S) e Francesco Agus (capogruppo Progressisti), i quali hanno invitato la commissione e l’assessore a lavorare insieme su un piano di prevenzione che consenta al governo regionale, di oggi e di domani, di contrastare efficacemente il grave problema degli incendi e del dissesto idrogeologico.

Sui ritardi nell’erogazione dei contributi alle comunità colpite da eventi calamitosi è intervenuto il capogruppo del Psd’Az, Franco Mula, che ha chiesto alla Giunta “di avere il coraggio di sollevare dagli incarichi chi non è in grado di dare seguito alle norme approvate dal Consiglio regionale”.

Pierluigi Saiu, consigliere regionale della Lega e presidente della Prima commissione, ha proposto al presidente Talanas di convocare una seduta con l’audizione dei sindaci interessati dagli eventi calamitosi per “capire quale sia il problema di questi ritardi inaccettabili nell’erogazione delle risorse”.

Via libera, infine, anche al parere sull’articolo 26 che prevede un indennizzo per l’utilizzo da parte di Forestas di terreni sottoposti a usi civici e agli articoli 13 e 14 in materia di Urbanistica.