Professioni: i giovani italiani sono sempre “più pigri”.

Si sà, i giovani ormai rappresentano la fascia della popolazione meno impegnata e “rivoluzionaria” della società. Complice l’assenza di politiche sostanziali per la loro emancipazione economica e culturale, la “migliore generazione” italiana (ma non solo), vive ormai all’interno di un paradigma dove pigrizia e “mediocre benessere” sono i principali punti di approdo.

Non sorprende, in assenza di politiche realmente sostanziali per i giovani e in presenza di programmi (europei e nazionali) per i giovani improntati alla scarsa inclusione e innovazione, che anche nel settore professionale si stia registrando un “lungo inverno”.

La propensione a scegliere la libera professione tra i giovani, infatti, è in costante calo, con una incidenza di liberi professionisti sui laureati di secondo livello, a 5 anni dalla laurea, scesa dal 22,2% del 2018 al 18% del 2022. Dati ricordati da Confprofessioni nel corso della Commissione bicamerale di controllo sugli Enti previdenziali.

LEGGI ANCHE:  Viaggi di istruzione e visite didattiche, 50 milioni per le agevolazioni.

Nel 2022, ancora, tra i sempre più abulici giovani italiani, solo il 36% dei laureati ha deciso di intraprendere una forma di lavoro autonomo, confermando, forse, che il dogma del “posto fisso” rappresenta lo stile di vita più auspicabile per gli under35 italiani.

foto cloudhoreca da pixabay.com