Prenotazioni online: piattaforme in crescita nel terzo trimestre del 2023.

Durante il terzo trimestre del 2023, i turisti in Europa hanno trascorso 309,4 milioni di notti in alloggi in affitto a breve termine, prenotati tramite Airbnb, Booking, Expedia Group o TripAdvisor. Numeri che confermano, secondo l’Eurostat, un aumento del 13,4% rispetto allo stesso periodo del 2022.

Con questo valore, il turismo delle piattaforme ha continuato a superare i livelli pre-pandemici e a stabilire nuovi valori record mensili: a luglio sono stati acquistati115,7 milioni di pernottamenti in strutture ricettive prenotate tramite piattaforme online, con un aumento del 10,7% rispetto a luglio 2022. Ad agosto, questo il numero è salito a 124,7 milioni di notti (+11,7% rispetto ad agosto 2022) e a settembre è stato di 69,1 milioni (+21,6% rispetto a settembre 2022).

LEGGI ANCHE:  Disabilità e lavoro, la lettera di Lorenzo Torto all'UE.

Nei primi nove mesi del 2023, gli ospiti hanno trascorso più di 546,2 milioni di notti in alloggi in affitto a breve termine nell’UE prenotati tramite piattaforme online. Si tratta di una crescita significativa rispetto allo stesso periodo del 2022 (488,6 milioni di notti; +11,8%); con pernottamenti ampiamente superiori ai livelli pre-pandemia (423,7 milioni di pernottamenti nei primi nove mesi del 2019; +28,9%).

Tra le principali destinazioni nel secondo trimestre 2023, le regioni spagnole, croate e francesi.

Le regioni più popolari per gli alloggi in affitto a breve termine prenotati tramite piattaforme online nel secondo trimestre del 2023 sono state l’Andalusia in Spagna (7,1 milioni di notti), Jadranska Hrvatska in Croazia (6,5 milioni) e la regione francese Île de France (5,8 milioni).

LEGGI ANCHE:  Istituzioni UE, ritardi sistemici per l'accesso ai documenti.

Nelle prime 20 regioni, 7 sono in Spagna, 5 ciascuna in Francia e Italia, 2 regioni sono in Portogallo e 1 in Croazia.