PRADA Cup, Luna Rossa: “Rispettare il calendario delle regate”.

Challenger of Record America’s Cup 36 (COR 36) – l’organizzatore della PRADA Cup – ha sollecitato l’America’s Cup Events (ACE) a richiedere un’esenzione per continuare la Finale della PRADA Cup in conformità con il calendario delle regate e per venire incontro alle legittime aspettative dei concorrenti coinvolti, Luna Rossa Prada Pirelli e Team INEOS UK, del pubblico internazionale e delle reti televisive internazionali che hanno già programmato le loro trasmissioni.

PRADA Cup, foto © Luca Butto’

Purtroppo, nonostante un protocollo e una procedura che sono stati messi in atto da mesi nel caso si verificasse tale circostanza, ciò non è avvenuto. Il COR 36 è stato ora informato da ACE che stanno discutendo con le Autorità diverse opzioni, tra cui il rinvio delle regate al 26 febbraio; ciò è in totale violazione del regolamento, che ha fissato il 24 febbraio come la fine della PRADA Cup, senza alcuna proroga possibile.

LEGGI ANCHE:  PRADA Cup, la risposta dell'America's Cup Event: "Stiamo esaminando tutti i possibili scenari".

Il COR 36 sta infatti cercando di garantire che la finale della PRADA Cup riprenda già il 19 febbraio, nel rispetto della salute pubblica e dei protocolli imposti dal governo della Nuova Zelanda. Il COR 36 ha anche offerto il suo pieno supporto ad ACE e alle autorità locali per implementare immediatamente il piano di gestione degli allarmi di livello 3 previsto dall’evento AC36 Covid-19 Management On Land and On Water Plans: piani che prevedono, in caso di un’allerta Covid-19 di livello 3, la chiusura del Villaggio AC36 e la ripresa delle regate “a porte chiuse”, senza pubblico, come già accade per molti eventi sportivi internazionali, tra i quali la Formula 1 e l’Australian Open.

LEGGI ANCHE:  PRADA Cup. Ineos Team UK vince le prime due regate.

Questo piano di gestione in acqua è già stato sperimentato e può quindi essere immediatamente attivato previa approvazione delle Autorità. Poiché le squadre sono autorizzate a navigare e ad allenarsi anche con l’allerta Covid-19 di livello 3, è difficile capire perché non sia consentito regatare “a porte chiuse” applicando gli stessi protocolli.

In questo contesto, e nel rispetto del regolamento, non c’è motivo di ritardare ulteriormente lo svolgimento delle regate come da programma, dando ad entrambe le squadre la possibilità di completare il numero di prove richiesto dalla serie entro i termini e le scadenze imposti dal calendario delle competizioni. Va ricordato che altrimenti si applicherebbe la regola che prevede che “…il vincitore è la squadra con il punteggio più alto alla data della data finale programmata”, soluzione che il COR 36 spera di non applicare.

LEGGI ANCHE:  Inizia il conto alla rovescia per la Prada Cup.