Pnrr: 25 milioni per il sistema depurativo nell’isola.

Sono in arrivo circa 25 milioni di euro per gli interventi di riqualificazione e adeguamento degli schemi fognari e depurativi dei comuni di Castelsardo-Lu Bagnu, Sorso, Quartu Sant’Elena e Cagliari-Is Arenas.

Lo conferma l’Egas, l’Ente di Governo dell’Ambito della Sardegna, destinatario, nei giorni scorsi, del benestare del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica il quale, con il Decreto n. 262 del 8 agosto 2023, ha dato il via libera a quattro proposte progettuali, inserendole nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) – Misura M2C4 (Investimento 4.4 dedicato a Fognatura e depurazione).

I progetti ammessi, il cui soggetto attuatore sarà il Gestore unico, Abbanoa SpA, riguardano nello specifico l’adeguamento dello schema fognario depurativo di Castelsardo-Lu Bagnu per il quale saranno destinati 12,3 milioni di euro che integrano il finanziamento disponibile di 12,2 M€; oltre 3,6 milioni di euro invece serviranno per il riordino e la razionalizzazione della rete fognaria di Quartu Sant’Elena con il completamento del primo lotto del sistema fognario nella “Zona Musicisti” in aggiunta al finanziamento già in essere di 2,24 M€. Oltre 7,3 milioni di euro saranno inoltre destinati alle opere funzionali al sistema fognario depurativo nel territorio di Sorso per la cui realizzazione saranno quindi complessivamente disponibili 13 M€. Per l’adeguamento dell’impianto di depurazione di Is Arenas ai fini del riuso irriguo dei reflui sono infine destinati 1,9 milioni di euro oltre 1,1 M€ già assegnati al Gestore.

LEGGI ANCHE:  ASEL Sardegna: "Istruire i tecnici comunali sul Pnrr".

Nel dettaglio, con l’intervento previsto a Castelsardo e Lu Bagnu si passerà dalla situazione attuale alla realizzazione di un nuovo depuratore centralizzato e relativi collettori; i reflui saranno trattati secondo gli stabiliti standard normativi e la tipologia di processo consentirà il totale riutilizzo in tempo secco per usi irrigui e industriali, con mitigazione dell’impatto ambientale dell’intervento.

A Quartu le opere in progetto consentiranno di convogliare i reflui provenienti dagli abitati di Settimo San Pietro, Maracalagonis e Sinnai verso il depuratore consortile di Cagliari; l’intervento contribuisce alla riorganizzazione del sistema della rete fognaria emissaria del centro urbano quartese ed in particolare a ridurre gli oneri gestionali e le disfunzioni connesse all’esercizio di diversi impianti di sollevamento attualmente in uso, oltre al miglioramento del servizio in particolare in Via della Musica.

LEGGI ANCHE:  Europe Direct Regione Sardegna. Incontro sulle Politiche di Coesione.

Il progetto che interessa il territorio di Sorso è finalizzato a raccogliere i reflui degli insediamenti turistici lungo il litorale di Platamona e ridurre quindi eventuali disservizi dei piccoli impianti di depurazione attualmente installati immediatamente a ridosso della spiaggia. L’obiettivo è quello di eliminare i rischi ambientali connessi ad una gestione dei reflui civili, legati soprattutto al pericolo di inquinamento delle falde, dello Stagno di Platamona e della fascia costiera.

A Cagliari, con l’ok al finanziamento, si potrà procedere ai lavori di adeguamento dell’impianto depurativo terziario. Le opere previste in progetto permetteranno il riutilizzo dei reflui per l’ uso irriguo e per alimentare la rete di adduzione realizzata dal Comune di Cagliari per l’irrigazione delle aree verdi.

LEGGI ANCHE:  Confcommercio e Federalberghi: “Aeroporto di Cagliari, serve gara pubblica”.

A seguito del decreto e dopo la registrazione da parte degli organi di controllo, seguirà la stipula di appositi Accordi di Programma tra MASE, Regioni o Province autonome ed Enti di Governo d’Ambito e si potrà quindi procedere con la realizzazione degli interventi.

foto PublicCo da Pixabay