La Sardegna in zona rossa.

Ancora 48h di zona arancione per i cittadini sardi. Da lunedì l’Isola resterà rossa per almeno due settimane. A incidere sul nuovo classamento l’indice di contagio, al momento il più alto d’Italia all’1.54, stando ai dati inseriti nella bozza del monitoraggio dell’Istituto Superiore di Sanità, che fa dell’Isola una regione con un indice compatibile con uno scenario di tipo 3, ovvero con una situazione di trasmissibilità sostenuta e diffusa con rischi di tenuta del sistema sanitario nel medio periodo.

Per effetto del nuovo collocamento tra le regioni rosse, nell’isola potranno seguire le lezioni in presenza gli/le studenti/esse fino alla prima media compresa, mentre le altre classi torneranno alla didattica a distanza al 100%. All’interno del proprio comune si potrà circolare solo per ragioni legate al lavoro, alla salute o per altre inderogabili necessità.

LEGGI ANCHE:  Coltivazione microalghe. Accordo CRS4-TOLO Green.

Nussuna novità per bar e ristoranti che rimarranno chiusi, salva la possibilità di proporre l’asporto non oltre le 22, mentre per le consegne a domicilio non sono previste restrizioni d’orario. Chiusura anche per i parrucchieri, estetisti e centri estetici.

L’attività sportiva consentita sarà solo quella all’aperto in forma individuale nei pressi della propria abitazione. Permane, infine, la chiusura dei luoghi della cultura e dei centri sportivi.

Foto Sardegnagol riproduzione riservata