Pensioni infermieri, FNOPI: “A rischio tenuta SSN”.

La Federazione Nazionale Ordini Professioni Infermieristiche, la FNOPI, ha lanciato un appello alle forze politiche per la modifica della norma sulla quota retributiva per le pensioni degli infermieri.

“Se non verrà corretta la norma che modifica il rendimento della quota retributiva (precedente al 1996) delle pensioni liquidate dal 2024, l’Italia rischia di perdere già dal prossimo anno circa 13mila infermieri.

Una riforma, secondo la federazione, capace di ridurre le aliquote di rendimento dei contributi versati tra il 1981 e il 1995 colpendo il personale attualmente in servizio con una perdita stimabile tra il 5% e il 25% dell’assegno pensionistico annuale, da moltiplicare per l’aspettativa di vita media.

LEGGI ANCHE:  Gli effetti della pandemia sul trasporto aereo

Tradotto “un taglio sostanzioso ai futuri assegni” nonché un “aumento della fascia di povertà”, con l’effetto, ancora, di “aprire le porte alla fuga degli infermieri da ospedali e territori”.

“Sarebbe un colpo mortale per il sistema sanitario nazionale, già aggravato dalla carenza di infermieri”, concludono dalla FNOPI.