Le pensioni dell’Ue ammontano al 12,9% del Pil nel 2021.

Nel 2021, nei Paesi dell’UE sono stati spesi circa 1.882 miliardi di euro per le pensioni , ovvero il 12,9% del prodotto interno lordo (PIL) totale. Sebbene la spesa pensionistica totale sia aumentata del 2,8% rispetto al 2020, il suo rapporto con il PIL è stato inferiore di 0,7 punti percentuali rispetto al 2020, quando era pari al 13,6%, secondo le ultime rilevazioni di Eurostat.

L’importanza relativa della spesa pensionistica varia notevolmente tra i paesi dell’UE nel 2021. Questo rapporto ha raggiunto il picco in Grecia con il 16,4% del PIL, seguita da Italia (16,3%), Austria (15,0%) e Francia (14,9%). 

All’altra estremità della scala, i rapporti più bassi sono stati osservati in Irlanda (4,5% del PIL), Malta (6,4%), Ungheria (7,0%) e Lituania (7,1%).

LEGGI ANCHE:  Green Deal. Le nuove prospettive per le politiche agricole.
Spesa per le pensioni nel 2021, % del PIL. Grafico. Vedi il collegamento al set di dati completo di seguito.
La spesa per le pensioni nei Paesi Ue. Infografica Eurostat.

Nel 2021, il 27,2% della popolazione dell’UE era beneficiaria di pensione. Se si considerano le diverse categorie pensionistiche, le pensioni relative alla vecchiaia rappresentano di gran lunga la categoria più numerosa nell’UE, rappresentando il 79,9% di tutta la spesa pensionistica e l’80,3% dei beneficiari. Le pensioni ai superstiti costituiscono la seconda categoria più importante, rappresentando il 12,0% della spesa e il 21,3% dei beneficiari, seguita dalle pensioni di invalidità (7,9% della spesa e 12,2% dei beneficiari) e dalle pensioni di disoccupazione (0,2% della spesa e 0,1% dei beneficiari). .