Orizzonte Europa: 13,5 miliardi di euro per il periodo 2023-2024.

La Commissione europea ha adottato oggi il principale programma di lavoro di Orizzonte Europa 2023-24. Con circa 13,5 miliardi di euro saranno sostenuti i progetti di ricercatori e innovatori in Europa per la ricerca di soluzioni alle sfide ambientali, energetiche, digitali e geopolitiche europee.

Nell’ambito del più ampio programma di ricerca e innovazione dell’UE da 95,5 miliardi di euro, Orizzonte Europa , questo finanziamento contribuirà al raggiungimento degli obiettivi climatici dell’UE , all’aumento della resilienza energetica e allo sviluppo di tecnologie digitali di base . Tratterà inoltre azioni mirate per sostenere l’Ucraina , rafforzare la resilienza economica e contribuire a una ripresa sostenibile dalla pandemia di Covid-19.

5,67 miliardi di euro (oltre il 42% del bilancio del programma di lavoro) sono destinati al raggiungimento degli obiettivi chiave dell’azione per il clima, alla ricerca di soluzioni innovative per ridurre le emissioni di gas a effetto serra e all’adattamento ai cambiamenti climatici. 1,67 miliardi di euro, invece, andranno alle iniziative per la protezione della biodiversità. 

LEGGI ANCHE:  Aiuti di Stato: la Commissione approva il regime italiano di aiuti alla ristrutturazione destinati alle PMI.

Oltre 4,5 miliardi di euro sosterranno la transizione digitale dell’UE, mentre quasi 970 milioni di euro saranno investiti per contribuire ad accelerare la transizione verso l’energia pulita, in linea con il piano REPowerEU

Nel 2023, il programma di lavoro indirizzerà investimenti per oltre 1 miliardo di EUR da NextGeneration EU verso la ripresa dell’Europa dai danni economici e sociali causati dalla pandemia di COVID-19. Inoltre, sostiene la ricerca e l’innovazione con 336 milioni di euro per migliorare la preparazione alla pandemia e rispondere alle emergenze sanitarie. 

Più di 600 milioni di euro saranno investiti nelle cinque missioni dell’UE nel 2023. Ciò sosterrà la ricerca e l’innovazione, che dovrebbero tradursi, ad esempio, in autorità locali e regionali meglio preparate ad affrontare i rischi legati al clima, il ripristino di almeno 25.000 km di fiumi a flusso libero, contratti di città climatiche con 100 città, l’introduzione di programmi di monitoraggio del suolo o l’ottimizzazione di interventi diagnostici contro il cancro minimamente invasivi. La Commissione si aspetta che le missioni raccolgano contributi da altre fonti di finanziamento, per raggiungere un livello complessivo di investimenti alla fine del 2023 che superi gli investimenti effettuati da Orizzonte Europa.

LEGGI ANCHE:  Repubblica centrafricana: ad agosto inizia l'operazione EUTM RCA.

I primi inviti a presentare proposte saranno aperti sul portale dei finanziamenti e degli appalti dell’UE il 7 dicembre 2022. Dal 6 dicembre 2022 al 16 febbraio 2023 si terranno le giornate informative di Horizon Europe rivolte ai potenziali richiedenti.

foto Cnr