Mismatch lavoro, accordo interministeriale contro il disallineamento tra domanda e offerta.

Il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (MIT), il Ministero dell’Istruzione e del Merito (MIM) e il Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane (FS) hanno siglato oggi un protocollo d’intesa per promuovere iniziative e collaborazioni tra mondo della scuola e mondo delle imprese per individuare soluzioni atte ad affrontare il crescente problema del disallineamento tra le competenze richieste dalle imprese e quelle in uscita dai percorsi scolastici e formativi.

Una differenza tra domanda e offerta che nel 2022 ha coinvolto oltre 2 milioni di persone e che costituisce un ostacolo alla ricerca di personale competente e preparato. Difficile quindi che il protocollo siglato possa risolvere il problema, molto più radicato nel nostro Paese, ma rappresenta pur sempre un buon inizio.

LEGGI ANCHE:  Carta Giovani, a Sassari si tenta di diffonderla tra le aziende locali.

L’intesa, di durata triennale, prevede diverse iniziative per promuovere l’informazione, il dialogo e la coprogettazione di percorsi e strumenti che rispondano all’esigenza di formare profili professionali adeguati ai fabbisogni occupazionali e per promuovere progetti operativi con le scuole e le regioni. L’obiettivo è quello di costruire progressivamente una filiera sempre più integrata della formazione professionale. Educazione al lavoro che in Italia, purtroppo, passa troppo spesso per le Agenzie formative e poco per le imprese, come confermato dal paradigma per la formazione professionale nel nostro Paese.

Il protocollo, ricordano i firmatari, prevede anche la promozione di percorsi formativi che utilizzino la didattica laboratoriale per sviluppare le competenze strategiche e la creazione di un monitoraggio tra i Ministeri sulle esperienze attivate e sui risultati conseguiti.

LEGGI ANCHE:  Lavoro: istituito il tavolo del CNEL sul mismatch.

Le iniziative previste dall’accordo si inseriscono in un contesto che vede il fenomeno del mismatch tra domanda e offerta di lavoro in costante crescita. Il fenomeno è stato accelerato dalla pandemia e riguarda circa 1,3 miliardi di persone in tutto il mondo, con il rischio di riduzione della produttività a livello globale del 6%. Si stima che, a livello nazionale tra il 2023 e il 2027, il 34,3% del fabbisogno occupazionale richiederà personale con un livello di formazione terziaria, universitaria o professionalizzante e il 48,1% riguarderà profili con un livello di formazione secondaria di secondo grado di tipo tecnico-professionale.