Maltempo, Giunta regionale: 3,6 milioni per la messa in sicurezza dei territori.

Dalla Giunta regionale arrivano ulteriori risorse per finanziare la messa in sicurezza dei territori e la riduzione dei danni provocati dagli eventi calamitosi verificatisi in Sardegna nel mese di novembre 2020, a seguito del quale era stato dichiarato lo stato di emergenza regionale: circa 3.676.292 euro destinati a 33 enti locali.

“Presso la Protezione civile sono istituiti due fondi per fronteggiare i danni derivanti dagli eventi calamitosi: uno per i soggetti privati e le attività produttive; l’altro per gli interventi sul patrimonio pubblico – ha spiegato l’assessore regionale della Difesa dell’ambiente, Gianni Lampis, con delega alla protezione civile –. Per il patrimonio pubblico le risorse sono state attribuite sulla base di una sintesi tra la stima dei fabbisogni derivante dalle segnalazioni dei danni, trasmesse dagli enti locali, e le risultanze dei sopralluoghi e delle istruttorie effettati dalla Protezione civile. Il quadro riepilogativo, aggiornato con ulteriori segnalazioni pervenute dalla Provincia del Sud Sardegna, ammonta complessivamente a oltre 125 milioni di euro. Ora, il Direttore generale della Protezione civile, anche nella sua qualità di coordinatore per l’emergenza, dovrà approvare un dettagliato piano di ulteriori interventi da finanziare, tra quelli proposti dai Comuni e dalle Province, con particolare riferimento alla viabilità”.

LEGGI ANCHE:  MiSE,Todde (M5S): “Sulla CIGD nessuna polemica sterile, i numeri sono numeri e i fatti sono fatti”

Lo stanziamento di oltre 3.6 milioni di euro è stato così ripartito: alla Provincia del Sud Sardegna andranno 550.000 euro, mentre a quella di Nuoro 500mila euro. Al Comune di Benetutti 100.000; Comune di Berchidda 100.000; Comune di Buddusò 100.000; Comune di Bultei 100.000; Comune di Dorgali 100.000; Comune di Fonni 100.000; Comune di Galtellì 100.000; Comune di Gonnosfanadiga 100.000; Comune di Guspini 100.000; Comune di Irgoli 100.000; Comune di Lodè 100.000; Comune di Nuoro 100.000; Comune di Oliena 100.000; Comune di Ollolai 100.000; Comune di Onanì 100.000; Comune di Orgosolo 100.000; Comune di Orune 100.000; Comune di San Gavino Monreale 100.000; Comune di Villacidro 100.000; Comune di Villagrande Strisaili 100.000; Comune di Villasor 100.000; Comune di Arbus 95.960; Comune di Nurri 86.000; Comune di Posada 80.170; Comune di Lula 50.000; Comune di Luogosanto 45.000: Comune di Gairo 44.100; Comune di Siliqua 42.480; Comune di Calangianus 40.110; Comune di Orroli 30.000; Comune di Osidda 12.471.

LEGGI ANCHE:  Air Italy, siglato accordo integrativo per i lavoratori.