4 team in gara alle World Series. Max Sirena: “Cagliari luogo speciale”.

Molto più di una regata di barche a vela. Un vero e proprio mito. Questa è la Coppa America, competizione nata nel lontano 1851 ma ancora oggi capace di raccogliere milioni di appassionati in tutto il mondo. Un evento storico che rivive oggi durante la presentazione, nella base del team di “Luna Rossa” al Molo Ichnusa di Cagliari, della World series Sardegna dell’America’s Cup di vela, che vedrà Cagliari ospitare, dal 23 al 26 aprile 2020, la prima tappa per la conquista della Coppa Prada, trofeo prestigioso e imprescindibile per contendere il titolo della Coppa America all’attuale ‘Defender’, l’Emirates Team New Zealand. Saranno quattro i team protagonisti della 36th America’s Cup, Luna Rossa Prada Pirelli, Ineos Team UK, la NYYC American Magic e l’Emirates Team New Zealand. La conferma ufficiale dell’assenza a Cagliari dell’altro team Usa, Stars and Stripes, è arrivata oggi per bocca di Laurent Esquier. Il miglior team si deciderà, oltre a Cagliari il prossimo mese di aprile, nel Regno Unito a Giugno e in Nuova Zelanda a dicembre 2020. 

Un evento che va oltre la semplice competizione sportiva per Laurent Esquier, CEO Challenger of Record36: “Per noi è una manifestazione eccezionale e Cagliari ha già vinto la sua competizione, superando altre 9 località italiane per questa tappa, una grande tessera di un grande mosaico chiamato Coppa America, un mito conosciuto in tutto il mondo e nato nel 1851 con la vittoria della Goletta America, uno sloop di 29 metri che strappò agli inglesi la Coppa delle Cento Ghinee. Dopo la vittoria l’equipaggio lanciò la sfida decidendo anche le regole e i requisiti delle barche dei competitors. Da allora le regole della Coppa America sono state decise dai team che hanno vinto il trofeo e se siamo ancora appassionati dopo 160 anni questa competizione non può che rappresentare un mito”.

Laurent Esquier

L’America’s cup world series Sardegna sarà il primo evento della 36a edizione della Coppa e una grande occasione per promuovere la Sardegna nel mondo, secondo l’Assessore Regionale al Turismo, Gianni Chessa: “Questa manifestazione costituisce un evento internazionale di primo piano che non solo sarà capace di richiamare migliaia di turisti ma soprattutto far conoscere la Sardegna in Europa e nel Mondo. Stiamo lavorando alacremente per poter ospitare eventi di questa portata nella nostra isola. Doppiamo superare la ‘politica dei no’ e colmare le nostre lacune strutturali e criticità culturali. Stiamo investendo 4 milioni in questo evento ma prevediamo di ottenere un ritorno enorme, sia in termini economici che di immagine”. 

LEGGI ANCHE:  Un Cagliari da Coppa dei Campioni.

Era presente anche il Direttore delle Relazioni Esterne Prada Group, Francesco Longanesi Cattani: “Il coinvolgimento di Prada in questa competizione è superiore alle precedenti edizioni. Per vincere la Coppa America i team dovranno prima vincere la Coppa Prada. Questo è un mondo fantastico dove ogni persona compete per far conoscere il mito della Coppa America. Crediamo fortemente in Luna Rossa, che sponsorizziamo dal lontano 1997, poichè attribuiamo grande importanza alla vela e ai programmi di sostenibilità ambientale. Siamo convinti, inoltre, che sarà un evento di primissimo piano capace di promuovere la Sardegna e la Città di Cagliari”.

Presentazione World Series di vela

Maggiori dettagli sulle regate del prossimo mese di aprile 2020 sono stati offerti alla stampa da Matteo Plazzi, Direttore tecnico Challenger of Record36: “Nei primi 3 giorni di regate i team si confronteranno in un campo di regata al largo di Sant’Elia, attraverso dei robin round, ovvero gironi all’italiana, dove ogni team incontrerà gli avversari due volte, mentre domenica 26 aprile ci sarà la finale della tappa di Cagliari. Saranno presenti numerose attrazioni durante la 4 giorni di Cagliari che permetteranno a tutti di conoscere meglio il mondo della vela e della competizione in se”.

LEGGI ANCHE:  Giacomo Cao: "Orgogliosi di aver contribuito alla preparazione di Luna Rossa in vista della Coppa America 2021".

Era presente anche il sindaco di Cagliari, Paolo Truzzu: “Il Comune farà investimenti importanti e in sinergia con la Regione Sardegna. Siamo convinti che questa manifestazione sportiva porterà migliaia di visitatori ad assaporare e visitare la nostra città”.

Particolare entusiasmo si è registrato con l’arrivo dello skipper e Team Director Luna Rossa Prada Pirelli, Massimiliano “Max” Sirena, da poco diventato cittadino onorario di Cagliari: “Questo evento riunirà il gotha della vela mondiale e Cagliari merita di esserne la cornice il prossimo mese di aprile. Questa città ci ha accolto in un modo a dir poco speciale e sento di dire che è un luogo speciale e con tutte le carte in regola per diventare la capitale della vela nel Mediterraneo. Ringrazio tutte le autorità locali, con le quali lavoriamo tutti i giorni con grande spirito di collaborazione”.

LEGGI ANCHE:  Il Team Luna Rossa si riduce lo stipendio per l'acquisto di ventilatori polmonari.

foto Sardegnagol, riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.