L’ultimo messaggio del Presidente Mattarella ai giovani italiani: “Non fermatevi, non scoraggiatevi, prendetevi il vostro futuro”.

L’esperienza del Presidente Sergio Mattarella al Quirinale si appresta a volgere al termine. Un settennato di grande esercizio di equilibrio e rispetto per le istituzioni, da tempo vacante dalle parti del Palazzo del Quirinale, conclusosi idealmente con quest’ultimo discorso di fine anno ai cittadini italiani. Un commiato, indubbiamente, dedicato al tema dell’inclusione dei giovani e alla ripresa del Paese.

Sergio Mattarella, video Quirinale.it

​”Pensando al futuro della nostra società – ha dichiarato Mattarella – mi torna alla mente lo sguardo di tanti giovani che ho incontrato in questi anni. Giovani che si impegnano nel volontariato, giovani che si distinguono negli studi, giovani che amano il proprio lavoro, giovani che si impegnano nella vita delle istituzioni, giovani che vogliono apprendere e conoscere, giovani che emergono nello sport, giovani che hanno patito a causa di condizioni difficili e che risalgono la china imboccando una strada nuova. I giovani – prosegue – sono portatori della loro originalità, della loro libertà. Sono diversi da chi li ha preceduti. E chiedono che il testimone non venga negato alle loro mani.  Alle nuove generazioni sento di dover dire: non fermatevi, non scoraggiatevi, prendetevi il vostro futuro perché soltanto così lo donerete alla società”.

Sergio Mattarella, foto Quirinale.it
Sergio Mattarella, foto Quirinale.it

E, infine, un messaggio ai tanti scettici verso la vaccinazione anti-Covid: “I vaccini sono stati, e sono, uno strumento prezioso, non perché garantiscano l’invulnerabilità ma perché rappresentano la difesa che consente di ridurre in misura decisiva danni e rischi, per sé e per gli altri. La ricerca e la scienza ci hanno consegnato, molto prima di quanto si potesse sperare, questa opportunità. Sprecarla – conclude Mattarella – è anche un’offesa a chi non l’ha avuta e a chi non riesce oggi ad averla”.

LEGGI ANCHE:  Fondo per le politiche giovanili 2020: sancita l'intesa in Conferenza Unificata.