La Russia aggiunge 5 Stati Ue nella lista dei “Paesi ostili”.

Dopo l’inserimento da parte della Federazione Russa di 5 Stati membri dell’Ue nella lista dei “Paesi ostili, l’Alto rappresentante dell’Ue, Josep Borrell, ha dichiarato che l’inserimento di Grecia, Danimarca, Croazia, Slovacchia e Slovenia va considerato come un atto “inaccettabile”: “Questa decisione rappresenta l’ennesimo passo della Russia verso la continua escalation delle tensioni con l’Unione Europea e i suoi Stati membri. Il precedente decreto che istituisce l’elenco dei cosiddetti Stati “ostili” – prosegue Borrell – è incompatibile con la Convenzione di Vienna sulle relazioni diplomatiche del 1961″.

Da qui l’invito dell’Alto rappresentante alla Federazione Russa affinché venga rispettata pienamente la Convenzione di Vienna: “L’UE – conclude Borrell – continua a invitare la Russia a cessare immediatamente l’aggressione contro l’Ucraina e tutte le altre violazioni del diritto internazionale, comprese le violazioni dei propri obblighi e impegni internazionali”.

LEGGI ANCHE:  Cybersicurezza, Da Re: "Quali sono le norme comuni in materia?".

foto Copyright: European Union