La presidente Todde richiama la Giunta Solinas: “Sospendere delibere adottate inopportunamente”.

Negli ultimi scampoli di operatività la Giunta Solinas aveva fatto approvare oltre 145 delibere. Una manovra, tipica del più ovvio tentativo di avvelenare i pozzi, messa in opera a due giorni dal voto del 25 febbraio, stigmatizzata nuovamente dalla presidente della Regione Sardegna, Alessandra Todde: ” Richiamo il Presidente Christian Solinas al doveroso rispetto istituzionale: lui e la sua giunta sospendano immediatamente le delibere inopportunamente adottate e si limitino all’ordinaria amministrazione. Nelle ultime ore di campagna elettorale la giunta Solinas si è riunita tre volte e ha adottato oltre 200 nuove delibere. Molte di queste, ad una settimana dalla loro approvazione, non sono neanche visibili dai cittadini sardi che vengono appositamente tenuti all’oscuro”.

LEGGI ANCHE:  Vertenza entrate. Pais: “Pieno appoggio al Presidente della Regione"

“Sono riuscita a leggere, grazie anche agli organi di stampa, cosa hanno inserito all’interno di questa infornata di provvedimenti dell’ultimo minuto: nomine, proroghe di incarichi, piani e programmi che impegnano l’amministrazione per i prossimi anni. Hanno addirittura dato il via libera a una programmazione del fondo di coesione per oltre 2 miliardi di euro. Credo – prosegue la presidente – che sia estremamente scorretto che una giunta uscente, scaduta e sconfitta, possa definire tutto ciò senza vergogna e senza rispetto dei cittadini e delle cittadine. La maggior parte di questi atti non è urgente e non è legata ad adempimenti di legge. È gravissimo che una giunta uscente, che dovrebbe attenersi agli atti di ordinaria amministrazione, decida di fare tutto ciò senza che nessuno possa fare niente.

LEGGI ANCHE:  CIG in deroga, Zedda: "Nessun ritardo, già trasmesse 823 domande"

“Solinas ha avuto 5 anni per programmare e investire le risorse che aveva a disposizione e siamo tutti consapevoli di come è andata a finire. Non appena saremo ufficialmente operativi, in attesa dei tempi di legge e delle prassi amministrative, controlleremo tutto ciò che è stato fatto all’oscuro e sulle spalle dei sardi in queste ultime ore”, conclude Alessandra Todde.

foto Sardegnagol, riproduzione riservata