Intimidazione verso i giornalisti, Piantedosi: “Diminuzione dei casi”.

Dall’ultimo monitoraggio realizzato dal “Centro di coordinamento per le attività di monitoraggio analisi e scambio permanente di informazioni sul fenomeno degli atti intimidatori nei confronti dei giornalisti“, emerge un decremento degli atti intimidatori nei confronti dei giornalisti: nel 2022 sono stati 111 rispetto ai 232 del 2021, con una diminuzione pari al 52%. Dato che appare più significativo alla luce del trend crescente che aveva invece caratterizzato gli anni precedenti: nel 2021 si era avuto un aumento del 42% dei casi, rispetto ai 163 del 2020, anno in cui pure si era avuta una crescita dell’87% rispetto al 2019, quando gli episodi erano stati 87. Analogo decremento si attesta nei primi due mesi del 2023: 14 gli atti denunciati rispetto ai 28 riferibili allo stesso periodo del 2022.

LEGGI ANCHE:  Infermieri, Nursing Up, De Palma: "Ci avviciniamo pericolosamente a quota 6mila operatori contagiati nell'ultimo mese".

Tra le regioni che hanno fatto registrare nel 2022 un maggior numero di eventi o denunce vi sono Lazio, Lombardia, Campania, Calabria e Sicilia, con 76 episodi complessivi, pari al 68,5% del totale.

Durante la riunione, dai rappresentanti dei giornalisti è stato anche sottolineato il fenomeno delle cosiddette “querele temerarie”.

Infine, sono state oggetto di confronto alcune fra le principali progettualità avviate nel 2022 dal “Centro di coordinamento”. Si tratta, in particolare, della sottoscrizione di un protocollo d’intesa tra il Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti, la Federazione Nazionale della Stampa Italiana e la Direzione Centrale della Polizia Criminale per attività di formazione reciproca. A questa iniziativa si aggiunge poi la partecipazione al progetto OSCE “Safe of journalists” che si pone l’obiettivo di mettere a sistema le politiche e le misure esistenti tra i diversi Stati per promuovere e garantire la sicurezza dei giornalisti.

LEGGI ANCHE:  Coronavirus: quasi 49mila candidature per le attività di contact tracing.

Nel corso dell’incontro, che ha visto a partecipazione del ministro Matteo Pantedosi per il quale “pur a fronte di una diminuzione dei casi, rimane alta l’attenzione delle Istituzioni a difesa dell’attività dei giornalisti, per tutelare la funzione fondamentale svolta dal mondo dell’informazione”.

foto interno.gov.it CC-BY-NC-SA 3.0 IT