Inps: sospensione dei contributi per artigiani e commercianti

Oggi l’Inps ha confermato che la sospensione dell’obbligo del versamento dei contributi previdenziali, assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria riguarda anche i contributi dovuti dagli artigiani e dagli esercenti attività commerciali con scadenza 18 maggio 2020 (prima rata contribuzione sul minimale anno 2020) in presenza dei requisiti di cui ai commi da 1 a 5 dell’articolo 18 del decreto-legge 8 aprile 2020, n. 23, ovvero per quei i soggetti esercenti attività d’impresa, arte o professione che: hanno il domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa nel territorio dello Stato; presentano ricavi o compensi non superiori a 50 milioni di euro nel periodo di imposta precedente a quello in corso alla data di entrata in vigore del decreto; hanno subito una diminuzione del fatturato o dei corrispettivi di almeno il 33 per cento nel mese di marzo 2020 rispetto allo stesso mese del precedente periodo d’imposta e nel mese di aprile 2020 rispetto allo stesso mese del precedente periodo d’imposta; hanno intrapreso l’attività di impresa, di arte o professione, in data successiva al 31 marzo 2019.

LEGGI ANCHE:  Inps, assunzioni primo trimestre 2021: -18%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.