Cookie Consent by FreePrivacyPolicy.com Indennità negate ai sanitari, Alessandro Solinas: "Riconoscere quanto previsto dal CCNL". - Sardegnagol

Indennità negate ai sanitari, Alessandro Solinas: “Riconoscere quanto previsto dal CCNL”.

Il consigliere regionale del M5s, Alessandro Solinas, ha presentato una mozione per chiedere alla Giunta di riconoscere definitivamente l’indennità prevista dal CCNL “per particolari condizioni di lavoro” anche al personale sanitario assegnato al reparto Covid dell’Ospedale “Delogu” di Ghilarza, adeguando, nel contempo, la struttura con le dotazioni previste per un reparto di terapia intensiva.

“Come l’anno scorso, anche quest’anno il reparto di Medicina dell’Ospedale Delogu di Ghilarza è stato chiamato a dare un fondamentale contributo alla gestione dell’emergenza. Tuttavia, al personale impiegato continua a non venire corrisposta l’indennità prevista per il personale sanitario impiegato nei reparti Covid. A trovarsi in questa situazione incresciosa – prosegue Solinas – sono ventidue professionisti sanitari che svolgono le proprie mansioni all’interno di un reparto ad altissimo rischio contagio”.

LEGGI ANCHE:  Coran, PD e Progressisti: "Come sono stati valutati i componenti?".

Una criticità acuita dalla scarsa dotazione del reparto che, ricorda il consigliere pentastellato, non dispone “nemmeno di un vero impianto di ossigenazione fisso a parete”.

“Non è accettabile che sussista una differenza di trattamento salariale tra il personale sanitario assegnato ai diversi reparti Covid della regione. Chi lavora all’interno di questi reparti lo fa con senso di responsabilità, di collaborazione e sacrificio. In ambito sanitario le indennità devono essere corrisposte a chi lavora in ambienti particolarmente complessi sulla base delle cifre definite dal CCNL in maniera uniforme, e nel periodo di emergenza devono essere applicate a tutti coloro che lavorano in condizioni ad alto rischio”.

LEGGI ANCHE:  Covid-19: Speranza firma nuova ordinanza per Bangladesh, India e Sri Lanka.

Foto Sardegnagol, riproduzione riservata