In Sardegna la spesa diventa plastic free.

Una spesa fatta in modo responsabile può contribuire a salvare il Pianeta dalla plastica e la Cooperativa Mesa Noa, in Sardegna, è in prima linea. Mesa Noa è una comunità che pratica il consumo etico e consapevole grazie all’apertura, quattro anni fa, del primo emporio autogestito e collaborativo della Sardegna, a Cagliari, dove si può fare una spesa sostenibile per l’ambiente e solidale grazie ai piccoli produttori del territorio. Lo scopo del progetto è quello di sensibilizzare le persone al riuso e riciclo di tutto quanto sia possibile riutilizzare, anche attivando una rete di scambio e dono, modalità già ampiamente in uso tra i soci della Cooperativa.

L’Italia è il secondo più grande produttore di rifiuti plastici in Europa. Oltre il 70% dei rifiuti marini del Mediterraneo è depositato nei fondali italiani, e il 77% è costituito da plastica: sacchetti, bottiglie di plastica, contenitori e incarti per cibo e bevande sono i rifiuti più diffusi. In virtù di questo, Mesa Noa desidera attrezzare l’emporio con un nuovo reparto interamente dedicato agli alimenti sfusi: pasta, riso, cereali, legumi, frutta secca, frutta essiccata, semi, spezie, caffè, sale, dolci e tanto altro, si potranno finalmente acquistare liberi dalla plastica.

LEGGI ANCHE:  Carmen Consoli in tournée nell'Isola.

Per realizzare questo ambizioso obiettivo è stata lanciata una campagna di raccolta fondi su Produzioni dal Basso – piattaforma italiana di crowdfunding e social innovation – che servirà per sostenere, oltre ai costi della campagna di promozione e divulgazione del progetto, l’acquisto degli scaffali e i silos a gravità per l’erogazione dei prodotti sfusi.