Politiche giovanili: a Palazzo Ducale in visita giovani da 5 Paesi europei.

Nei giorni scorsi, il presidente del Consiglio comunale Maurilio Murru e l’assessora alla Cultura, Politiche educative e Pari opportunità Laura Useri hanno dato il benvenuto in città ai giovani coinvolti nello scambio giovanile del progetto “Digital GenerAction”.

Per una settimana negli spazi in piazza santa Caterina, i protagonisti dello scambio saranno coinvolti in una serie di attività di educazione non formale con lavori individuali e di gruppo, brainstorming, riflessioni personali e di gruppo, che li porteranno a confrontarsi sui temi della salute mentale, sui rischi legati alla dimensione online e sull’uso consapevole degli strumenti digitali.

Lo scambio giovanile, ricordano dal comune, coinvolge 30 ragazze e ragazzi (6 giovani da ogni Stato), di età compresa tra i 16 e i 20 anni, provenienti da Spagna, Portogallo, Romania, Grecia e Italia. Il progetto “Digital GenerAction”, cofinanziato con fondi Erasmus+.

LEGGI ANCHE:  NextGenerationEU: per la Commissione von der Leyen va tutto bene.

Gli obiettivi della mobilità, aggiungono i promotori, mirano a “fornire una comprensione e una conoscenza più approfondita dell’impatto della pandemia sul comportamento e sulle abitudini online dei giovani, aumentare le competenze dei ragazzi nell’uso consapevole degli strumenti digitali, accrescere la capacità di analizzare fenomeni di bullismo, discorsi d’odio, fake news e il loro impatto sulla salute mentale, agendo per la loro prevenzione; creare uno spazio sicuro in cui i giovani possano collaborare, scambiare opinioni e dialogare sui temi della salute mentale e della dimensione digitale”.