Il Tar del Lazio conferma la propria sentenza: “Rideterminare termine domande per il Servizio Civile Universale”.

Il Tar del Lazio, anche in sede collegiale, ha confermato la decisione per la rideterminazione del termine della presentazione delle domande di partecipazione al Servizio Civile Universale. Dopo la sentenza d’inizio febbraio, i giudici amministrativi hanno accolto anche con ordinanza – dopo la camera di consiglio collegiale – le richieste avanzate da Codacons, Adoc Aps e Amesci.

Le tre associazioni, in particolare, avevano contestato il Decreto del Capo del Dipartimento per le Politiche giovanili e per il Servizio Civile Universale, nella parte in cui era stato prorogato al 10 febbraio 2022 alle ore 14 il termine per la presentazione delle domande di partecipazione da parte dei giovani interessati a svolgere il Servizio Civile Universale.

LEGGI ANCHE:  Servizio Civile. Presentate oltre 36000 domande.

Il Tar, ribadendo la fondatezza del ricorso delle 3 organizzazioni ha quindi accolto la richiesta cautelare “confermando il decreto cautelare provvisorio e disponendo la rideterminazione, a cura della resistente Pubblica Amministrazione, dei termini, in misura tale da garantire la piena partecipazione ai soggetti interessati”.