Il mondo al contrario, bonus 200 euro: indennità liquidata ai beneficiari del RDC.

Prosegue la campagna di pagamento del Bonus 200 euro da parte dell’Inps. Come stabilito dalla circolare 73/2022, nel mese di luglio l’indennità è stata liquidata ai titolari di trattamenti pensionistici, di accompagnamento alla pensione, ai titolari di assegno per invalidità e di Assegno Sociale. Tra le categorie nella lista di priorità anche i beneficiari di Reddito di Cittadinanza. Per altre categorie produttive in Italia, come i liberi professionisti, bisognerà attendere invece un apposito provvedimento. Insomma, l’ennesima conferma che il mondo continua a girare al contrario nel Bel Paese.

Il processo di erogazione delle prestazioni, fanno sapere dall’Istituto di previdenza “ha consentito di ridurre al massimo i tempi per la liquidazione della prestazione, senza alcun onere per i cittadini e al 1° luglio 13 milioni e 137 mila pensionati hanno così ricevuto l’accredito della somma”.

LEGGI ANCHE:  "Del Carmine e shopping", la nuova app per aiutare i commercianti del centro.

Per quanto riguarda il Reddito di Cittadinanza, il bonus 200 euro è stato pagato a circa 800mila nuclei percettori. Nello stesso mese si è provveduto a disporre i pagamenti per i lavoratori domestici, sulla base delle domande pervenute. Ai primi giorni di agosto, su 445.875 istanze presentate 427.634 sono state definite da Inps.

A ottobre la prestazione sarà erogata in maniera automatica ai titolari di Naspi e Dis-Coll (purché in disoccupazione a giugno), alla platea di beneficiari della disoccupazione agricola 2021 e ai titolari delle ex Indennità Covid (decreti Sostegni e Sostegni bis).

Per i lavoratori domestici il termine ultimo di presentazione delle domande è fissato al 30.09.2022; gli appartenenti alle altre categorie chiamate a presentare domanda possono invece richiedere l’indennità entro il 31.10.2022.

LEGGI ANCHE:  Con i Bambini: 20 milioni per nuovi spazi aggregativi dedicati ai minori.

Dovranno attendere, probabilmente al mese di ottobre, i titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, con un contratto attivo alla data del 18 maggio 2022 e reddito derivante dai suddetti rapporti non superiore a 35.000 euro per il 2021; gli stagionali, a tempo determinato e intermittenti con 50 giornate di lavoro effettivo nel 2021, da cui deriva un reddito non superiore a 35.000 euro. Nella platea dei destinatari sono ricompresi anche i lavoratori a tempo determinato del settore agricolo; gli iscritti al Fondo Pensione Lavoratori dello Spettacolo con 50 contributi giornalieri nel 2021, da cui deriva un reddito non superiore a 35.000 euro; gli autonomi occasionali privi di partita IVA, non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie, già titolari nel 2021 di contratti disciplinati dall’art.2222 del Codice civile, iscritti alla Gestione Separata alla data del 18 maggio 2022, che abbiano versato almeno un contributo mensile nel corso del 2021; gli incaricati di vendite a domicilio, iscritti alla Gestione Separata alla data del 18 maggio 2022, che possano far valere per il 2021 un reddito superiore a 5.000 euro derivante da tale attività.

LEGGI ANCHE:  Garante Privacy a Facebook: "Chiarimenti su elezioni politiche italiane".

Infine, ricordano dall’INPS, il decreto legge n. 115/2022 (cd “Aiuti bis”), pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 185 del 9 agosto 2022, ha previsto l’estensione del bonus 200 euro a lavoratori non coperti dal precedente decreto, come cassaintegrati e lavoratrici rientrate dalla maternità, sportivi, dottorandi, assegnisti di ricerca e pensionati dal 1° luglio 2022, oltre al finanziamento di ulteriori 100 milioni di euro per l’erogazione del bonus 200 euro ai professionisti.