Il grande Casato estense in un video del MiBACT

Anche gli Estensi approdano sul canale YouTube del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo. Un contributo alla campagna ‘La Cultura non si ferma’, che sarà sviluppato in quattro puntate, del Segretariato regionale Emilia Romagna per far conoscere la storia del ducato estense, così come previsto nell’ambito dell’omonimo progetto di valorizzazione del territorio compreso tra l’Emilia Romagna e la Garfagnana, finanziato dal Piano “1 miliardo per la cultura”.

Casato estense è un racconto per video immagini tratte principalmente dai ritratti dei duchi, accompagnato da una narrazione scritta sintetica e immediata che, al percorso della storia, aggiunge anche particolari curiosi.

Nella prima puntata ‘Da Cesare I ad Alfonso IV’, si apprende dell’inaspettata incoronazione a Duca di Cesare I, che si trovò a ‘sostituire’ Alfonso II, morto senza eredi. A lui si deve il trasferimento della capitale a Modena. Una travagliata reggenza, la sua, a causa delle guerre in Garfagnana. Dette invece improvvisa svolta alla propria esistenza Alfonso III: aveva atteso a lungo l’incoronazione, eppure lasciò il governo dopo un anno per prendere i voti, acquisendo il nome di Frate Giambattista da Modena, ma con il saio francescano continuò a intromettersi nella politica del ducato.

LEGGI ANCHE:  Cultura: al via la selezione per 40 tirocini formativi per la digitalizzazione dei beni culturali.

Fu invece il bellicoso Francesco I, duca a 19 anni, la cui figura è nota nel busto scolpito dal Bernini, a trasformare in eleganti regge i palazzi ducali. Il successore, Alfonso IV, morì a soli 28 ani lasciando la reggenza per un decennio a Laura Martinozzi, nipote del potente cardinale. Dopo la reggenza il ducato passa a Francesco II: dedito alla promozione della musica e delle lettere curò, in particolare, la Biblioteca Estense. Anch’egli senza eredi, morì in giovane età. Per conoscere le sorti del ducato e della regione fino all’Unità d’Italia basterà seguire le altre ‘puntate’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.