Giunta regionale: riconosciuti 4 nuovi circoli dei sardi.

Cresce il numero dei circoli degli emigrati sardi. Lo conferma la delibera della Giunta Regionale che ha concesso il riconoscimento a 4 associazioni in Italia: tre in Friuli Venezia Giulia (Trieste Pordenone Gorizia) e una in Abruzzo (Pescara).

I circoli friulani, inizialmente facenti parte insieme a Udine e Tolmezzo dell’ Associazione regionale dei sardi in Friuli Venezia Giulia, hanno iniziato da tempo un percorso di  autonomia delle proprie organizzazioni, fanno sapere dalla Giunta Solinas. Dopo Udine, che chiese e ottenne il riconoscimento nel 2011, ora è la volta dei Circoli di Trieste, Pordenone e Gorizia che, di fatto, hanno operato come entità autonome fin dal 1977.

Il Circolo “Dimonios” di Pescara ha invece operato fin dal 2015 in due regioni, Abruzzo e Molise, affermando con il proprio impegno una visione strategica di ampliamento oltre i propri confini territoriali, giungendo ad ottenere significativi apprezzamenti e riconoscimenti da parte delle istituzioni e popolazioni locali.

LEGGI ANCHE:  Riforma Enti Locali, Roberto Deriu: "Così si danneggia la Sardegna".

Con quello di Trieste, Pordenone, Gorizia e Pescara giungono così a sette i Circoli riconosciuti ufficialmente nel corso di questa legislatura (dopo Varsavia in Polonia, Perugia in Italia e Patagonia in Argentina) per un totale di 116 circoli: 66 in Italia (compresi gli ultimi 4 riconosciuti), 19 in Europa e 31 nel resto del mondo.

Siamo lontani dai tempi degli albori di questa Legislatura di centrodestra, dove per l’emigrazione sono state finanziate iniziative estemporanee quali interventi sportivi e modellini di nuraghe ma, nel frattempo, si può dire che qualcosa si è mosso dalle parti della maggioranza di centrodestra in questi 4 anni… 

Foto di Kaserei da Pixabay