Assistenzialismo, la Giunta proroga la durata massima dei cantieri.

La Giunta regionale, nell’ultima seduta, ha modificato la durata massima dei cantieri verdi, che coinvolgono i lavoratori e le lavoratrici ex Legler, portandola da 8 a 12 mesi, per 30 ore settimanali. Più nello specifico, la misura riguarda 54 lavoratori e lavoratrici ex Legler, cessati dal rapporto di lavoro a seguito della liquidazione della società e non sostenuti da ammortizzatori sociali, già impiegati nei cantieri occupazionali, di cui 13 nel Comune di Posada e 41 nel Comune di Siniscola. Lo stanziamento per l’annualità 2023 è pari a euro 1.316.000,00, in favore dei medesimi Comuni, in quota parte sulla base del progetto e dei lavoratori coinvolti. 

Azione che, di fatto, non fa altro che confermare che l’assistenzialismo resta (e resterà) l’unica strategia a sostegno dei lavoratori in crisi nell’Isola.

LEGGI ANCHE:  Incendi del Montiferru, la "bassa politica" regionale esulta per poco.

Ma per l’Esecutivo Solinas questo fenomeno degenerativo della politica redistributiva e di sostegno ai redditi, reca un segno diverso: “Il nostro obiettivo – secondo l’assessora del Lavoro Ada Lai – è quello di creare una società più equa e inclusiva, restituendo dignità professionale e sociale ai lavoratori e superando l’assistenzialismo fine a sé stesso”.

Agli/alle elettori/trici dotati/e di senso critico l’ardua sentenza!

foto Sardegnagol riproduzione riservata