Giulini: “Con questo spirito ci rialzeremo”

Pomeriggio amaro per i rossoblù, il Presidente Tommaso Giulini analizza la gara del “Ferraris” sottolineando lo spirito di gruppo e la mentalità mostrata anche oggi dalla squadra: “Con questo atteggiamento e con il lavoro torneremo presto alla vittoria”.

“Purtroppo, da quei 7′ di recupero nei quali abbiamo perso la gara contro la Lazio, le cose hanno iniziato a girare male: fino ad allora la stagione era straordinaria, poi da quella sconfitta in poi le cose sono cambiate e stiamo vivendo tuttora un periodo complicato. Ciò non toglie che abbiamo fatto una prima parte di stagione incredibile e straordinaria”.

“Siamo in un momento di difficoltà, però gli uomini veri si vedono in queste situazioni. Sono punti buttati via, fa ancora più male perché la sconfitta arriva dopo un filotto di gare nel quale manca da troppo tempo la vittoria. Oggi non posso rimproverare nulla ai ragazzi, hanno dato tutto come sempre e sicuramente il Cagliari ha avuto più occasioni del Genoa per vincere la gara. I liguri sono stati meno pericolosi di noi, hanno fatto sicuramente una partita gagliarda ma non meritavamo di perdere. Dispiace perché usciamo sconfitti oggi e venivamo da due incontri, contro Inter e Parma, dove si poteva vincere.

LEGGI ANCHE:  FIT: Da lunedi ok al doppio, padel e beach tennis

“Mancano ancora molte partite, adesso bisogna lottare insieme, anche con l’aiuto dei nostri tifosi. C’è molto rammarico perché la fortuna non ci sta aiutando, in sei anni di mia presidenza al Cagliari non era mai capitato di avere tre infortuni in una giornata: prima la febbre di Oliva stamattina, poi Faragò e Cacciatore in avvio di gara. Vedo la mentalità giusta, al nostro interno siamo molto uniti, così facendo sono convinto che torneremo presto a fare punti. In classifica ora siamo tutti lì, adesso siamo noi a dover inseguire, lo faremo con voglia, sacrificio e tutti quegli elementi che il Cagliari ha mostrato anche nelle ultime partite dove non è riuscito a vincere. Guardare adesso la classifica ha poco senso, ciò che conta è tornare a vincere pensando gara dopo gara, allenamento dopo allenamento”.

LEGGI ANCHE:  Cagliari umiliato, Stefano Capozucca: "Qualcuno non è degno di indossare questa maglia".

“Stiamo onorando e sudando la maglia, dobbiamo continuare a farlo fino all’ultima goccia di sudore e all’ultimo istante di ogni partita, primo o poi la ruota girerà, bisogna limare qualche dettaglio e lavorare ancora di più per svoltare. Bisogna reagire già da domenica prossima, i nostri tifosi tengono particolarmente alla sfida contro il Napoli e noi dobbiamo onorarla per loro, per noi stessi e la nostra classifica. Mancherà il nostro condottiero Nainggolan ma dovremo comunque giocare a testa alta, tutti insieme e credendo fortemente in una riscossa. Bisogna regalare alla nostra gente un finale di stagione importante”.

Foto Sardegnagol, riproduzione riservata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.