Giovanissimi e cultura: arriva la Carovana Sonora.

Da mercoledì 1 a domenica 5 novembre, dodici tra i migliori artisti-educatori nazionali in ambito sonoro musicale, provenienti da città come Ferrara, Cuneo, Matera, Cagliari, Taurianova, Milano, Roma, Brindisi, membri del Tavolo Permanente Musica 0-6 (TPM fascia 0-6 anni), saranno i protagonisti della Carovana Sonora, un ricco calendario di incontri e spettacoli in scena in due diversi luoghi della città. A Cagliari, porteranno la loro visione di cosa sia la musica nei primi anni di vita di un individuo, coinvolgendo genitori e bambini in originali esperienze sonoro-musicali partecipate e comunitarie. Cuore del programma, una residenza didattica e una serie di restituzioni artistiche al territorio con incontri e performance sonore dal titolo “Arti Musicali per famiglie 0-6”.

Attraverso la messa in campo di alleanze educative capaci di sensibilizzare i giovanissimi, i dodici artisti-educatori (tra gli altri, Arnolfo Borsacchi, Graziella Puzzo, Francesca Romana Motzo, Paola Conte, Emmanuela Zanchetta, Sara Madio, Francesca Venturoli, Monica Scarfò e Luca Battaglia) promuoveranno azioni di forte interazione coi territori, accompagnando e sostenendo a livello formativo, i genitori e i loro piccoli nella riscoperta delle proprie potenzialità educativo-musicali.

LEGGI ANCHE:  Italia-Cina, a Pechino inaugura la mostra “Tota Italia".

La rassegna, frutto della collaborazione tra Jazz in Sardegna contattosonoroTeatro MassimoTeatro del Sale e l’associazione ARC col Polo Bibliotecario Falzarego 35, accende i riflettori nei primi cinque giorni di novembre. Da mercoledì 1° novembre fino alla mattina di venerdì 3 novembre, spazio allo studio attraverso la condivisione di esperienze, saperi e suggestioni con lo scopo di approfondire un tema più che mai necessario: il senso e il valore della comunità. Confronti che intendono esplorare le modalità necessarie a generare, consolidare e radicare attraverso la musica, un senso di comunità capace di rispettare l’unicità dei singoli e trarre forza da ogni territorio interagito in quanto luogo germinale.

LEGGI ANCHE:  Peste suina, PSd'Az: "L'esecutivo Draghi intervenga per il riconoscimento del diritto di esportare la carne suina".

Dal pomeriggio di venerdì 3 novembre, fino a tutta la domenica 5 novembre, spazio al ricco cartellone di incontri e performance, rigorosamente suddivisi per le fasce d’età. Tra questi I suoni che nutrono (con Graziella Puzzo, sala ARC, via Falzarego 35, il 3 dalle 17 alle 18.30), dedicato alle madri in gravidanza, un incontro che utilizza il Metodo Tomatis e che tramite cuffie speciali, guida all’ascolto di musica e canti monodici caricando energicamente le gestanti prima, durante e dopo il parto; alla Musica inNata dedicato alla fascia 0-6 mesi (con Francesca Romana Motzo, sala Lab, via Falzarego 35, il 4 dalle 10 alle 11), una guida ludica verso l’esplorazione di materiali sonori non convenzionali e strumenti ritmico-percussivi, capace di agevolare l’emersione della propria vocalità come strumento sonoro primario, fino alla ricerca di suoni che possano intrecciarsi tra loro, inventare mondi, diventare voce, suonare la forma del respiro e far vibrare il corpo. E ancora, il 4 e 5 novembre “MiniMiniature-Piccoli, preziosi doni di canto senza parole e storie musicali” (con Arnolfo Borsacchi e Pier Elisa Campus, sala Teatro in via Falzarego 35, dalle 17 alle 18.20 per la fascia 3-6 anni; nella sala M3 del Teatro Massimo, dalle 10.30 alle 11.50, per la fascia 0-3 anni), un doppio spettacolo musicale, in duo a cappella con accompagnamento strumentale, pensato per le famiglie e fatto di voci cantate con e senza testo, accompagnamento, brevità, silenzio, relazione, movimento e emozione, attraverso musiche di repertorio e composizioni originali.

LEGGI ANCHE:  Finanziamenti Ue, arriva il (poco accessibile) toolkit della Commissione UE.