Fusioni: sì alla creazione della joint venture tra SNAM ed ENI.

La Commissione Europea ha approvato, ai sensi del Regolamento UE sulle concentrazioni, la costituzione di una joint venture tra SNAM SpA ed ENI SpA, entrambe italiane. 

La joint venture avrà sede in Italia e controllerà il Trans-Mediterranean Pipeline utilizzato per importare gas dall’Algeria in Italia. 

SNAM è il principale operatore del sistema di trasporto del gas in Italia ed è attiva anche nelle infrastrutture di importazione del gas. ENI è attiva lungo l’intera catena del valore del petrolio e del gas e controlla gli enti che gestiscono gasdotti di importazione in Italia. 

La Commissione ha concluso che l’acquisizione proposta non solleverebbe problemi di concorrenza, dato che il gasdotto transmediterraneo e le altre infrastrutture di importazione del gas in Italia non sono concorrenti stretti. 

LEGGI ANCHE:  Anita Pili: "Preoccupazione intorno alla cessioni di Eni a Macchiareddu".

Nella sua valutazione, la Commissione ha inoltre considerato la normativa italiana vigente in materia di tariffe praticate dai metanodotti regolati e terminali di gas naturale liquefatto nonché gli obblighi di accesso al sistema di trasporto di SNAM. La Commissione ha concluso, quindi, che l’acquisizione proposta non avrebbe sollevato problemi di concorrenza.

foto Sylvain Thomas European Union, 2012 Copyright Source: EC – Audiovisual Service