EU4Health: 4 milioni di euro per l’assistenza sanitaria dei rifugiati ucraini sotto protezione temporanea.

La Commissione europea ha lanciato un progetto finanziato con 4 milioni di euro dal programma EU4Health, per contribuire a migliorare l’accesso all’assistenza sanitaria per i rifugiati e gli sfollati ucraini che beneficiano di protezione temporanea in Bulgaria, Repubblica ceca, Estonia, Ungheria, Lettonia, Lituania, Moldavia, Polonia , Romania e Slovacchia.

Il progetto, sostenuto dalla Commissione, insieme all’Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM) e all’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), durerà 24 mesi e avrà l’obiettivo di rafforzare la capacità dei sistemi sanitari nazionali di far fronte all’afflusso di persone in fuga dalla guerra in Ucraina e di migliorare l’accesso dei pazienti ai sistemi sanitari nazionali durante il periodo di protezione temporanea

LEGGI ANCHE:  La solidarietà del Cagliari Calcio: in arrivo 24 giovani calciatori ucraini.

Alcune delle iniziative che saranno portate avanti congiuntamente dai tre partner includono il sostegno alle autorità sanitarie nazionali per espandere la copertura sanitaria per i rifugiati, compresa la vaccinazione. Altre priorità del progetto sono l’integrazione degli operatori sanitari sfollati dall’Ucraina nel personale sanitario dei paesi ospitanti, nonché gli sforzi per creare e rafforzare reti di tali operatori per consentire loro di fornire l’assistenza sanitaria specifica necessaria ai rifugiati.

Questo progetto rappresenta un altro passo importante per consolidare la cooperazione UE-Ucraina in materia sanitaria dopo che la Commissione e il Ministero della Salute ucraino hanno firmato un accordo di cooperazione in materia sanitaria nel giugno 2023.

LEGGI ANCHE:  Nuovi finanziamenti per la difesa ucraina: 350 milioni dal Dipartimento della Difesa statunitense. Pentagono: "Lanciati 250 missili a corto raggio nelle ultime 24 ore. Aumento dei profughi ucraini lungo il confine con la Polonia".

foto Copyright European Parliament 2020: Source EP / Daina Le Lardic